Estinzione anticipata mutui e prestiti obbligazionari: determinato l’ammontare definitivo dei contributi 2016

Estinzione anticipata mutui e prestiti obbligazionari: determinato l’ammontare definitivo dei contributi 2016

Con Dm. Interno 22 marzo 2017, pubblicato sul sito istituzionale del Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale, sono stati determinati gli importi definitivi dei contributi attribuiti ai Comuni richiedenti per consentire l’estinzione anticipata, totale o parziale, di mutui e prestiti obbligazionari effettuate nell’anno 2016.

La platea interessata dal Provvedimento è quella delle Amministrazioni comunali che, in applicazione del Dm. 14 ottobre 2016 (vedi Entilocalinews n. 41 del 24 ottobre 2016), avevano fatto richiesta dei contributi citati entro lo scorso 31 ottobre 2016.

Dopo una prima ripartizione provvisoria basata sull’invio dei Modelli “A” e resa nota con Dm. Interno 10 novembre 2016, ora il Viminale ha potuto determinare le quote dei contributi in questione in maniera certa e definitiva, basandosi su quanto attestato dagli Enti entro il 28 febbraio scorso, attraverso i Modelli “B”.

Il dato definitivo si discosta da quello preventivamente diffuso per poco meno di Euro 100.000 (ripartiti i 22.490.177,19 Euro contro i 29.588.486,24 annunciati in prima istanza).

Le cifre assegnate a ogni singolo Comune sono riportate nell’Allegato “A”, che forma parte integrante del Decreto in questione.


Related Articles

“Urbact III”: aperta la call per presentare proposte per la creazione di fino ad un massimo di 25 reti di trasferimento per il periodo 2014-2020

A seguito della decisione del Comitato di Controllo “Urbact III”, è aperta la Call per presentare proposte per la creazione

Utilizzo dei resti delle cessazioni del triennio precedente: facoltà di utilizzo 

Nella Delibera n. 63 del 24 marzo 2016 della Corte dei conti Molise, viene chiesto se si possa ritenere, sulla

Lavoro accessorio: limiti all’utilizzo dei voucher ex Dlgs. n. 81/15

L’Inps, con il Messaggio n. 4752 del 28 novembre 2017, ha fornito indicazioni in merito all’utilizzo dei buoni lavoro ancora