Estinzione anticipata mutui e prestiti obbligazionari: determinato l’ammontare definitivo dei contributi 2016

Estinzione anticipata mutui e prestiti obbligazionari: determinato l’ammontare definitivo dei contributi 2016

Con Dm. Interno 22 marzo 2017, pubblicato sul sito istituzionale del Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale, sono stati determinati gli importi definitivi dei contributi attribuiti ai Comuni richiedenti per consentire l’estinzione anticipata, totale o parziale, di mutui e prestiti obbligazionari effettuate nell’anno 2016.

La platea interessata dal Provvedimento è quella delle Amministrazioni comunali che, in applicazione del Dm. 14 ottobre 2016 (vedi Entilocalinews n. 41 del 24 ottobre 2016), avevano fatto richiesta dei contributi citati entro lo scorso 31 ottobre 2016.

Dopo una prima ripartizione provvisoria basata sull’invio dei Modelli “A” e resa nota con Dm. Interno 10 novembre 2016, ora il Viminale ha potuto determinare le quote dei contributi in questione in maniera certa e definitiva, basandosi su quanto attestato dagli Enti entro il 28 febbraio scorso, attraverso i Modelli “B”.

Il dato definitivo si discosta da quello preventivamente diffuso per poco meno di Euro 100.000 (ripartiti i 22.490.177,19 Euro contro i 29.588.486,24 annunciati in prima istanza).

Le cifre assegnate a ogni singolo Comune sono riportate nell’Allegato “A”, che forma parte integrante del Decreto in questione.


Related Articles

Costi della manodopera: la mancata indicazione non rende automaticamente inammissibile l’offerta

Nella Delibera n. 1069 del 14 novembre 2018 dell’Anac, una Società chiedeva un parere sulla legittimità di una procedura di

Spesa per acquisto di mobili ed arredi da parte di P.A.: il limite introdotto dalla “Legge di stabilità 2013” non è più vigente

Nella Delibera n. 173 del 15 maggio 2018 della Corte dei conti Veneto, un Comune premette di dover arredare una

Progettazione antisismica e rischio idrogeologico: stanziati 30 milioni per il 2019 ai Comuni nelle zone a rischio sismico 1 e 2

È stato pubblicato sulla G.U. n. 277 del 26 novembre 2019 il Decreto Interministeriale del 18 novembre 2019 emanato dal