Evasione fiscale e contributiva: disposta l’erogazione del contributo spettante ai Comuni che hanno contribuito a contrastarla

Evasione fiscale e contributiva: disposta l’erogazione del contributo spettante ai Comuni che hanno contribuito a contrastarla

Con Provvedimento del 22 ottobre 2014 è stata disposta l’erogazione del contributo relativo al 2013, spettante ai Comuni che si sono impegnati nella lotta all’evasione fiscale e contributiva. A renderlo noto è il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza Locale, con un Comunicato pubblicato sul proprio sito web il 28 ottobre 2014.

Gli importi attribuiti a ciascun Ente, visualizzabili dal prospetto Allegato al Comunicato, sono stati definiti dal Dipartimento delle Finanze del Mef – Direzione Studi e Ricerche economico-fiscali, al quale la Direzione centrale invita a rivolgersi per eventuali richieste di chiarimento sui criteri e sulle modalità di assegnazione degli stessi.

Infine, si evidenzia che il pagamento del contributo è stato sospeso per alcuni Enti Locali in ragione della mancata trasmissione al Viminale delle certificazioni relative al rendiconto di gestione 2012 (art. 161, comma 3, del Tuel). “Per poter procedere al pagamento, entro la chiusura della contabilità finanziaria del corrente esercizio finanziario, degli importi sospesi – si legge nel Comunicato Fl – occorre procedere alla formalizzazione degli adempimenti richiesti entro e non oltre il 20 novembre 2014”.


Tags assigned to this article:
evasionetrasferimenti

Related Articles

“Ravvedimento operoso”: cambia il saggio di interesse legale per l’anno 2020

È stato pubblicato sulla G.U. n. 293 del 14 dicembre 2019 il Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze 12

“Servizi cimiteriali”: la determinazione delle tariffe è di competenza comunale

Nella Delibera n. 419 del 7 novembre 2019 della Corte dei conti Lombardia, un Comune ha chiesto un parere in

“Pcc”: quand’è che un debito può dirsi esigibile?

Il testo del quesito: “Ho una perplessità sul concetto di esigibilità (giuridica) che, se ho ben compreso, sarebbe una condizione