“Fabbisogni standard”: dal 2015 saranno usati per la ripartizione del “Fondo di solidarietà”

“Fabbisogni standard”: dal 2015 saranno usati per la ripartizione del “Fondo di solidarietà”

Giá dal 2015 sarà possibile utilizzare i  “fabbisogni standard” per la ripartizione di almeno una parte del “Fondo di solidarietà comunale”. A sostenerlo è il Commissario straordinario per la revisione della spesa pubblica Carlo Cottarelli, nell’ambito di una Audizione parlamentare tenutasi ieri mattina presso Palazzo San Macuto.

Rispondendo a una serie di domande poste da alcuni dei Deputati presenti, Cottarelli ha evidenziato come – a seguito di un lungo periodo di stasi – siano stati compiuti buoni progressi nel corso dell’ultimo anno in materia di costi standard.

Io credo – ha aggiunto – che la strada intrapresa per uniformare i costi dei comini sia la strada da seguire e penso che nel 2015 sarà possibile utilizzare i fabbisogni standard per la ripartizione di almeno una parte del Fondo di solidarietà comunale”.

Lo stesso varrebbe – sempre secondo il Commissario straordinario – per quanto riguarda le capacità fiscali standard per le quali il lavoro tecnico sarebbe ormai terminato. “Resta da completare – ha precisato infine – il percorso legale affinché possano essere utilizzate nel 2015 insieme ai fabbisogni standard per guidare la ripartizione dei fondi tra i Comuni”.


Tags assigned to this article:
Cottarellifabbisogni standardspending review

Related Articles

“Servizi Demografici”: via libera al cambio di cognome per gli orfani  per crimini domestici

I figli delle vittime di crimini domestici il cui cognome coincida con quello del genitore condannato in via definitiva possono

Adempimenti Revisori: prorogato al 30 aprile 2016 il termine per l’invio dei Questionari sui bilanci preventivi 2015

Slitta al 30 aprile 2016 il termine ultimo entro il quale Revisori degli Enti Locali sono tenuti a compilare e

Imu e Tasi: fissati i coefficienti di aggiornamento dei fabbricati del Gruppo catastale “D” per il 2016

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento delle Finanze, ha diffuso sul proprio sito istituzionale il Dm. 29 febbraio