“Fabbisogni standard”: nuovo aggiornamento della lista dei Comuni inadempienti alla compilazione dei Questionari Sose

“Fabbisogni standard”: nuovo aggiornamento della lista dei Comuni inadempienti alla compilazione dei Questionari Sose

Il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale, con il Comunicato 25 maggio 2017 ha pubblicato un nuovo aggiornamento della lista degli Enti inadempienti all’obbligo di restituire alla Sose Spa i Questionari di cui all’art. 5, comma 1, lett. c), del Dlgs. n. 216/10 (“Disposizioni in materia di determinazione dei costi e dei fabbisogni standard di Comuni, Città metropolitane e Province”).

La comunicazione fa seguito ai precedenti analoghi Comunicati Fl.,e restituisce nuovamente il quadro, aggiornato stavolta alla data del 20 maggio 2017.

Ricordiamo che, con Dm. Mef 11 novembre 2016, pubblicato sulla G.U. n. 273 del 22 novembre 2016, era stata data notizia dell’avvenuta pubblicazione del nuovo Questionario Sose, denominato “FC20U”, rivolto ai Comuni, le Unioni di Comuni e le Comunità montane delle Regioni a Statuto ordinario.

Il Ministero ha evidenziato che agli Enti in questione sarà applicata la sanzione di cui all’art. 5, comma 1, lett. c), del Dlgs. n. 216/10, vale a dire “il blocco, sino all’adempimento dell’obbligo di invio dei Questionari, dei trasferimenti a qualunque titolo erogati all’Ente Locale e la pubblicazione dell’Ente inadempiente nel sito internet del Ministero dell’Interno”.


Related Articles

Imu: individuazione del soggetto passivo nel caso di contratti di leasing risolti ma con l’immobile non riconsegnato

Nella Sentenza n. 721 del 17 ottobre 2016 della Ctp Modena, una Società impugnava l’avviso di accertamento Imu con il

Esternalizzazione di servizi: il Comune non può mettere a disposizione dell’appaltatore il personale precedentemente adibito al servizio

Corte dei conti Basilicata, Delibera n. 47 del 14 dicembre 2016 Nella fattispecie in esame, un Comune chiede se, sul

Farmacie comunali: attribuzione della titolarità a Società di capitali

Nella Sentenza n. 78 del 1° febbraio 2018 del Tar Perugia, la questione controversa riguarda la legittimità o meno dell’attribuzione