Falcomatà: “Pnrr sia occasione per colmare gap Nord-Sud, criterio spesa storica implica discriminazione data dal luogo di nascita”

Il Pnrr è una sfida che va governata da punto vista politico ma che deve coinvolgere anche altre professionalità e esperienze presenti sul territorio. L’esempio di Reggio: “Noi abbiamo messo in piedi una cabina di regia che affianca l’organo politico a quelli che sono gli attori protagonisti di questa fase storica, quali gli ordini professionali, le università, i sindacati e le associazioni di categoria, in modo tale da condividere le proposte ed avere un protagonismo orizzontale e, allo stesso tempo, chiamare tutti a una responsabilità comune per il monitoraggio delle attività poste in essere. Così si potranno portare avanti progetti e servizi che possano cambiare il volto delle nostre città”. E’ quanto dichiarato dal Sindaco di Reggio Calabria e delegato Anci al Mezzogiorno e Politiche per la coesione territoriale, Giuseppe Falcomatà, in occasione al primo Tavolo tecnico del Progetto “Next Generation Eu – EuroPa Comune”, organizzato dal Centro Studi Enti Locali in collaborazione con il Dipartimento Economia e Management dell’Università degli Studi di Pisa.

Recovery Fund” visto come potenziale mezzo per colmare quell’annoso gap infrastrutturale, economico e in termini di servizi e opportunità che fa sì che questo Paese vada a due velocità. “E’ del tutto evidente – ha detto il Primo cittadino – che il tetto massimo del 35% che, ad oggi, si prevede di destinare nel Mezzogiorno per quelle che sono le risorse inerenti Pnrr e Recovery fund, non ci soddisfi affatto. Soprattutto nella misura in cui all’interno di questo 35% sono previste anche le risorse ordinarie della Coesione come il Pon Metro 2021-27, che andrebbero comunque ai territori del Sud. Per consentire a queste risorse di mantenere carattere aggiuntivo e non sostitutivo il tetto massimo deve essere almeno del 60%”.

Tetto massimo del 35% che, ad oggi, si prevede di destinare nel Mezzogiorno per risorse Recovery, non ci soddisfa; necessario arrivare almeno al 60% se si includono fondi coesione

Falcomatà ha enfatizzato l’assoluta necessità di stabilire finalmente i cosiddetti Lep, vale a dire i livelli minimi essenziali delle prestazioni. “Finché il Governo non prenderà atto che si deve mettere da parte il criterio della spesa storica e definire, invece, i livelli minimi delle prestazioni noi, sempre e comunque, a prescindere dalle risorse che arriveranno, saremo in qualche modo di fronte a una discriminazione data dalla residenza, dal luogo di nascita. Finché lo Stato non definirà i livelli minimi delle prestazioni – ha concluso Falcomatà – un bambino che nasce a Reggio Calabria non avrà le stesse possibilità, le stesse opportunità e gli stessi servizi di un bambino che nasce in una qualsiasi altra città del centro nord”.


Related Articles

Commissione di gara: non vi è obbligo di riconvocazione con i membri originari se non è garantita la loro serenità di giudizio

  Nel caso di annullamento, in sede giurisdizionale, degli esiti di una selezione pubblica, l’art. 84, comma 12 del Dlgs.

Trasferimenti erariali: disposta l’erogazione del contributo per la partecipazione all’attività di accertamento fiscale

Con il Comunicato 12 settembre 2018, pubblicato sul proprio sito web istituzionale, il Ministero dell’Interno – Dipartimento della Finanza locale,

Trasferimenti Enti Locali: nuovi chiarimenti per gli Enti beneficiari del contributo 2020 per la messa in sicurezza degli edifici e del territorio

Con il Comunicato 8 settembre 2020, pubblicato sul proprio sito istituzionale, il Viminale – Direzione centrale della Finanza locale, ha

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.