Farmacie: ampia discrezionalità per l’Amministrazione nell’individuazione delle sedi

Farmacie: ampia discrezionalità per l’Amministrazione nell’individuazione delle sedi

Nella Sentenza n. 1109 del 6 maggio 2015 del Tar Lombardia, i Giudici lombardi rilevano che la Corte di Giustizia Ue ha avuto modo di affermare che “secondo costante giurisprudenza della Corte, l’art. 49 Tfue deve essere interpretato nel senso che esso non osta, in linea di principio, a che uno Stato membro adotti un regime di autorizzazione preventiva per l’apertura di nuovi presidi sanitari come le Farmacie, se un tale regime si rivela indispensabile per colmare eventuali lacune nell’accesso alle prestazioni sanitarie e per evitare una duplicazione nell’apertura delle strutture, in modo che sia garantita un’assistenza sanitaria adeguata

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Trasferimenti: al via il conguaglio del contributo spettante ai Comuni a seguito dell’abolizione della seconda rata Imu

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 271 del 21 novembre 2014, S.O. n. 88, il Decreto emanato dal Mef di

Redazione bilancio di previsione 2015: le indicazioni della Ragioneria generale dello Stato ad Enti ed Organismi pubblici

È stata pubblicata il 24 febbraio 2015 sul sito istituzionale del Mef – Ragioneria generale dello Stato, la Circolare 2

Ici: presupposti di esenzione per le Onlus

L’Ordinanza n. 10454 del 2 maggio 2018 della Corte di Cassazione ha chiarito quali sono i presupposti in presenza dei