Farmacie: ampia discrezionalità per l’Amministrazione nell’individuazione delle sedi

Farmacie: ampia discrezionalità per l’Amministrazione nell’individuazione delle sedi

Nella Sentenza n. 1109 del 6 maggio 2015 del Tar Lombardia, i Giudici lombardi rilevano che la Corte di Giustizia Ue ha avuto modo di affermare che “secondo costante giurisprudenza della Corte, l’art. 49 Tfue deve essere interpretato nel senso che esso non osta, in linea di principio, a che uno Stato membro adotti un regime di autorizzazione preventiva per l’apertura di nuovi presidi sanitari come le Farmacie, se un tale regime si rivela indispensabile per colmare eventuali lacune nell’accesso alle prestazioni sanitarie e per evitare una duplicazione nell’apertura delle strutture, in modo che sia garantita un’assistenza sanitaria adeguata

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Anagrafe tributaria: la Direttrice dell’Agenzia delle Entrate Orlandi chiede l’uniformazione delle banche-dati della P.A.

Il numero e la tipologia di informazioni che oggi giungono da diverse fonti all’Anagrafe tributaria sono, in linea di massima,

Società “in house”: no all’erogazione di compensi all’Amministratore se lo stesso è anche Amministratore di un Ente Locale

Nella Delibera n. 327 del 28 settembre 2016 della Corte dei conti Campania, un Sindaco ha chiesto un parere inerente

Riposi compensativi: nessun limite temporale previsto dalla Contrattazione per la loro fruizione in assenza della “banca-ore”

L’Aran ha recentemente risposto ad un quesito (Orientamento applicativo Ral_1964 del 20 marzo 2018), fornendo chiarimenti in merito alla possibilità