Farmacie: legittimo decidere di collocarne una nuova in un’area già servita se l’entità della popolazione lo giustifica

Farmacie: legittimo decidere di collocarne una nuova in un’area già servita se l’entità della popolazione lo giustifica

Nella Sentenza n. 987 del 1° settembre 2016 del Tar Veneto, Sezione Terza, i Giudici si esprimono sulla fondazione di nuove sedi farmaceutiche sul territorio comunale. In particolare, i Giudici veneti premettono che è noto come la disciplina del “Servizio farmaceutico” deve rispondere congiuntamente a 2 esigenze: consentire una capillare distribuzione sul territorio per le esigenze dell’utenza onde tuttavia evitare che le esigenze del “mercato” concentrino l’offerta nelle localizzazioni di maggior interesse economico.

Tuttavia, i Giudici affermano che la dislocazione delle sedi farmaceutiche sul territorio comunale è frutto di ampia discrezionalità e le scelte effettuate a questo riguardo dall’Autorità competente non sono sindacabili se non per manifesta irrazionalità e analoghi vizi che in questa fattispecie comunque non ricorrono. Non è manifestamente irrazionale che la nuova Farmacia venga collocata in un’area già servita dalle Farmacie preesistenti se l’entità della popolazione interessata lo giustifica, ed è vero che l’aumento del numero delle Farmacie risponde anche allo scopo di estendere il “Servizio farmaceutico” alle zone meno servite, ma tale indicazione non è tassativa né esclusiva e si soggiunge che anche il parametro demografico può non applicarsi rigidamente.


Related Articles

Impianti sportivi: selezionati i primi 40 progetti ammessi al finanziamento Anci, Lnd e Ics

Sono 40 gli Impianti sportivi selezionati per rientrare nella prima tranche di finanziamenti prevista dal Protocollo d’intesa siglato da Lega

Anticorruzione: l’Anac rileva la diffusa inadempienza di Ipab e Asp agli obblighi ex Legge n. 190/12 e chiede l’immediata “inversione di rotta”

Con il Comunicato del Presidente 10 aprile 2015, l’Autorità nazionale Anticorruzione ha denunciato la scarsa osservanza delle regole in materia

“Soccorso finanziario”: il divieto si applica anche alle Società partecipate dagli Enti Locali poste in liquidazione

Nella Delibera n. 66 del 17 ottobre 2018 della Corte dei conti Lazio, viene chiesto un parere sull’applicabilità dell’art. 14,