Fatture elettroniche: il luogo di “conservazione” può differire da quello di tenuta della contabilità Iva e dei registri fiscali

Fatture elettroniche: il luogo di “conservazione” può differire da quello di tenuta della contabilità Iva e dei registri fiscali

Con la Risoluzione n. 81/E del 25 settembre 2015, l’Agenzia delle Entrate ha risposto ad un interpello inerente la comunicazione del luogo di conservazione in modalità elettronica dei documenti rilevanti ai fini tributari.

Nel caso di specie, il soggetto istante, titolare di una Farmacia che si avvale di una Società terza per la conservazione sostitutiva delle sole fatture elettroniche, nel ricordare che Federfarma aveva reso noto ai propri iscritti che entro 30 giorni dalla data di emissione della prima fattura nei confronti delle Asl doveva essere avanzata la comunicazione del nuovo depositario delle scritture contabili relativamente al soggetto che si

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Armonizzazione: quando deve effettuarsi la verifica dello stato di attuazione dei programmi?

Sul Portale Arconet della Ragioneria generale dello Stato è stata pubblicata la Faq n. 7 con riferimento ai tempi e

Società concessionaria riscossione tributi: il mancato riversamento al Comune costituisce danno erariale

Nella Sentenza n. 34 del 6 febbraio 2017 della Corte dei conti Puglia, la questione controversa in esame riguarda la

Entrate tributarie e contributive: nel periodo gennaio-maggio 2019 gettito a 165 miliardi (+1,3%)

Con il Comunicato n. 130 del 5 maggio 2019, il Ministero dell’Economia e delle Finanze rende noto il “Rapporto sulle