Ferie non godute: possibile monetizzarle solo in caso di rapporto di lavoro concluso in modo imprevedibile

Ferie non godute: possibile monetizzarle solo in caso di rapporto di lavoro concluso in modo imprevedibile

Nella Delibera n. 249 dell’11 dicembre 2014 della Corte dei conti Campania, un Sindaco ha rivolto un quesito avente ad oggetto l’interpretazione della normativa vigente, in particolare dell’art. 5, comma 8 del Dl. n. 95/12, convertito in Legge n. 135/12, in tema di monetizzazione di ferie non godute in considerazione della relativa istanza avanzata da due ex dipendenti comunali, congedatisi il primo per cessazione del rapporto di lavoro a tempo determinato il 3 novembre 2013 e il secondo per collocamento in pensione di anzianità il 31 luglio 2014.

La Sezionestatuisce che sarà cura dell’Ente in questione applicare rigorosamente il divieto di portata generale di cui all’art. 5, comma 8, del Dl. n. 95/12, convertito in Legge n. 135/12 in relazione alle fattispecie in cui il rapporto di lavoro si concluda in maniera non prevedibile, previa dettagliata e puntuale analisi delle specifiche ipotesi in cui la mancata fruizione delle ferie non è in alcun modo imputabile o tanto meno riconducibile alla carente capacità di programmazione e/o di controllo dell’Amministrazione e/o alla volontà del dipendente. In tali eccezionali circostanze, sempre sindacabili dalle Autorità competenti, occorrerà optare per la scelta che, nel garantire il diritto in esame, determini il minor esborso monetario possibile a carico dell’Amministrazione pubblica in conformità con la fondamentale e imprescindibile esigenza di contenimento della spesa pubblica che il Legislatore intende perseguire con la norma di cui all’art. 5, comma 8, del Dl. n. 95/12, che rientra tra i principi fondamentali di coordinamento della finanza pubblica ai sensi dell’art. 117, comma 3, della Costituzione. Inoltre, in tali casi, la scelta operata dall’Amministrazione dovrà essere adeguatamente motivata con l’indicazione dell’esborso monetario conseguente a ciascuna delle possibili opzioni al fine di individuare quella che consenta all’Amministrazione maggiori risparmi di spesa.


Related Articles

Convenzioni Consip: per il Mef hanno portato fino al 55% di risparmi sugli acquisti P.A.

Risparmi su energia, telefonia, computer e affini, che hanno toccato – nel caso “record” delle stampanti – il 55%. E’

Utilizzazione ai fini assunzionali dei “resti” dell’anno 2013: nessuna modifica introdotta in questo senso dalla “Legge di stabilità”

Nella Delibera n. 64 del 15 giugno 2016 della Corte dei conti Umbria, un Comune chiede se nell’anno 2016 sia

Iva: le somme erogate alle Associazioni del “Terzo Settore” a fronte di Accordi di co-progettazione costituiscono dei corrispettivi rilevanti ?

di Francesco Vegni Il quesito: “In merito al trattamento fiscale ai fini Iva dei servizi realizzati in co-progettazione con Enti