“Fondi strutturali e di investimento europei”: approvata la proposta di partenariato per la programmazione

“Fondi strutturali e di investimento europei”: approvata la proposta di partenariato per la programmazione

E’ stata pubblicata sulla G.U. n. 209 del 9 settembre 2014 la Delibera Cipe n. 18 del 18 aprile 2014 relativa alla “Programmazione dei Fondi strutturali e di investimento europei 2014-2020: approvazione della proposta di accordo di partenariato”.

Il Comitato interministeriale per la programmazione economica ha diffuso, attraverso la citata Delibera, i contenuti dell’Accordo di partenariato (Regolamento Ue n. 1303/13 del Parlamento e del Consiglio europeo 17 dicembre 2013) che stabilisce la strategia di impiego dei “Fondi strutturali e di investimento europei” (“Fondi Sie”) per il periodo 2014-2020.

L’Accordo individua i seguenti 11 obiettivi tematici per l’impiego delle risorse in questione:

  1. rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l’innovazione;
  2. migliorare l’accesso alle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, nonché l’impiego e la qualità delle medesime;
  3. promuovere la competitività delle piccole e medie Imprese, il Settore agricolo e il Settore della pesca e dell’acquacoltura;
  4. sostenere la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio in tutti i Settori;
  5. promuovere l’adattamento al cambiamento climatico, la prevenzione e la gestione dei rischi;
  6. tutelare l’ambiente e promuovere l’uso efficiente delle risorse;
  7. promuovere sistemi di trasporto sostenibili ed eliminare le strozzature nelle principali infrastrutture di rete;
  8. promuovere l’occupazione sostenibile e di qualità e sostenere la mobilità dei lavoratori;
  9. promuovere l’inclusione sociale, combattere la povertà e ogni forma di discriminazione;
  10. investire nell’istruzione, formazione e formazione professionale, per le competenze e l’apprendimento permanente;
  11. rafforzare la capacità delle Amministrazioni pubbliche e degli stakeholders e promuovere un’Amministrazione pubblica efficiente.

Complessivamente, per l’arco di tempo in oggetto (2014-2020), le risorse comunitarie (a valere sui Fondi Fesr, Fse, Feasr e Feamp) ammontano a 41.548,4 milioni di Euro e saranno ripartite tra questi 11 obiettivi.

Unitamente alla Delibera è stata resa nota, nelle Tavole 2, 3 e 4, la ripartizione già disponibile del Fesr e del Fse, pari a 31.118,7 milioni di Euro.


Related Articles

Spese ordinarie d’ufficio: non comprendono il telefono cellulare per gli impiegati pubblici e gli Amministratori locali

Nella Sentenza 138 del 6 giugno 2016 della Corte dei conti Toscana, la Sezione esamina il conto della gestione reso

Società sportive: se gestiscono impianti per la collettività locale il Comune può erogare contributi per gli oneri di gestione

Nella Delibera n. 133 del 4 dicembre 2014 della Corte dei conti Marche, un Comune richiede un parere in ordine

Piano urbanistico comunale: modifiche introdotte dalla Regione al momento dell’approvazione

Nella Sentenza n. 7027 del 13 novembre 2020 del Consiglio di Stato, i Giudici rilevano che, con particolare riferimento all’obbligo