“Fondo salario accessorio”: fuori dal tetto i compensi riconosciuti per la partecipazione a Collegi arbitrali o come Collaudatore

“Fondo salario accessorio”: fuori dal tetto i compensi riconosciuti per la partecipazione a Collegi arbitrali o come Collaudatore

Nella Delibera n. 1 del 5 gennaio 2018 della Corte dei conti Veneto, un Comune ha chiesto un parere in merito all’assoggettabilità al tetto del “Fondo per il salario accessorio” delle somme riconosciute ai dipendenti pubblici ex art. 61, comma 9, del Dl. n. 112/08, convertito con modificazioni dalla Legge n. 133/08. L’art. 61 citato ha previsto, al comma 9, che il 50% del compenso spettante al dipendente pubblico in qualità di Componente o di Segretario di Collegio arbitrale, o come Collaudatore in relazione a contratti pubblici di lavori, servizi o forniture, vada riversato al Comune di provenienza che ne ha autorizzato l’incarico.

Le Amministrazioni di provenienza del personale incaricato devono quindi destinare tali somme al finanziamento del “Fondo per il trattamento economico accessorio”, e le stesse possono essere utilizzate secondo le modalità stabilite in sede contrattuale. In base a quanto sopra, la Sezione rileva che le somme così riversate al Comune di provenienza che autorizza l’incarico, destinate al finanziamento del “Fondo per il trattamento economico accessorio” delle Amministrazioni di provenienza del personale incaricato, non rientrano tra le somme soggette al limite del trattamento accessorio dell’Ente.


Related Articles

Procedura di selezione interna: è legittima la scelta di non considerare l’anzianità maturata presso altro Ente

Nell’Ordinanza n. 13622/2020 della Corte di Cassazione, un Funzionario ministeriale ha presentato domanda per partecipare ad un concorso di qualificazione

Trattamento accessorio: limiti indennità di posizione e di risultato delle P.O.

Nella Delibera n. 2 del 31 gennaio 2019 della Corte dei conti Basilicata, un Comune ha chiesto un parere sui

Personale P.A.: Anci, “Positivo incontro con Sindacati, via a Contrattazione collettiva e modifiche normative”

Si è svolto ieri mattina, 16 marzo 2016, un incontro tra Umberto Di Primio, Vice-Presidente Anci con delega al personale,