Garage: per la Cassazione sono soggetti alla Tarsu

Garage: per la Cassazione sono soggetti alla Tarsu

Nella Sentenza n. 4961 del 2 marzo 2018 della Corte di Cassazione, venivano impugnati alcuni avvisi di accertamento emessi da un Comune con i quali ingiungeva il pagamento della Tarsu per gli anni 2001-2004 relativa ai garage di proprietà del contribuente, deducendo l’inidoneità degli immobili a produrre rifiuti, ex art. 62 del Dlgs. n. 507/93.

La Suprema Corte rileva che il presupposto della Tarsu, secondo l’art. 62 del Dlgs. n. 507/93, è l’occupazione o la detenzione di locali ed aree scoperte a qualsiasi uso adibiti. L’esenzione dalla tassazione di una parte delle aree utilizzate perché ivi si producono rifiuti speciali,

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Appalto pubblico: non vi può essere apportata una modifica sostanziale senza l’avvio di una nuova procedura di aggiudicazione

Nella Sentenza C-549/14 del 7 settembre 2016 della Corte di Giustizia europea, i Giudici si esprimono sull’interpretazione dell’art. 2 della

Spese di sponsorizzazione: l’interesse alla conservazione del patrimonio storico e artistico

Nella Delibera n. 77 del 30 giugno 2016 della Corte dei conti Piemonte, un Comune è intenzionato, nell’ambito della programmazione

Tarsu: gli immobili adibiti a “residence” non possono rientrare nelle civili abitazioni

Con la Sentenza n. 16176 del 3 agosto 2016, la Corte di Cassazione si esprime sul caso di un Comune