Gare d’appalto: in G.U. nuovi criteri ambientali minimi da inserire nei capitolati tecnici

Gare d’appalto: in G.U. nuovi criteri ambientali minimi da inserire nei capitolati tecnici

Con Decreto datato 15 febbraio 2017, pubblicato sulla G.U. n. 55 del 7 marzo 2017, il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha fissato – di concerto con il Dicastero della Salute e con quello delle Politiche agricole, alimentari e forestali – i criteri ambientali minimi da inserire obbligatoriamente nei capitolati tecnici delle gare d’appalto per l’esecuzione dei trattamenti fitosanitari sulle o lungo le linee ferroviarie e sulle o lungo le strade.

I criteri sono esplicitati nell’Allegato che correda il Decreto stesso. Di questi si dovrà tener conto sia in caso di affidamenti tramite gara che nel caso in cui i soggetti interessati decidano di eseguire i trattamenti citati direttamente, senza l’intermediazione di terzi.

Il Documento attua le disposizioni individuate dal “Piano di azione nazionale per l’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari”, adottato con Decreto 22 gennaio 2014 in applicazione dell’art. 6 del Dlgs. n. 150/2012 (attuativo, a sua volta, della Direttiva 2009/128/CE).

La Direttiva europea ha essenzialmente richiesto ai Paesi membri di adoperarsi per arrivare all’eliminazione o, quanto meno, alla netta riduzione dell’impiego di pesticidi lungo strade, linee ferroviarie, superfici molto permeabili o altre infrastrutture in prossimità di acque superficiali o sotterranee, o ancora, su superfici impermeabilizzate che presentino un rischio elevato di dilavamento.

I criteri ambientali minimi saranno aggiornati periodicamente, tenendo conto di eventuali innovazioni tecniche o di modifiche normative nazionali e comunitarie.


Related Articles

Appalti: la mancata produzione della domanda di partecipazione non costituisce cause di esclusione nelle procedure aperte

La domanda di partecipazione non costituisce un documento da produrre a pena di esclusione nelle gare pubbliche svolte con procedura

Imposta di soggiorno: non si applica se il Comune non è nell’elenco degli Enti a vocazione turistica

Tar Molise – Sentenza 25 luglio 2014, n. 477 Alcune Imprese alberghiere hanno impugnato la Delibera d’istituzione e regolamentazione dell’Imposta di

Individuazione di c.d. “zone rosse” della Città

Nella Sentenza n. 823 del 4 giugno 2019 del Tar Toscana, i Giudici affermano che è illegittimo il provvedimento prefettizio