Gare per lavori: vanno specificati i costi interni per la sicurezza, pena l’esclusione

Gare per lavori: vanno specificati i costi interni per la sicurezza, pena l’esclusione

Nella Sentenza n. 700 del 4 maggio 2015 del Tar Toscana, Sezione Seconda, i Giudici osservano che l’art. 86, comma 3-bis, del Dlgs. n. 163/06 prevede che, “nella predisposizione delle gare di appalto e nella valutazione dell’anomalia delle offerte nelle procedure di affidamento di appalti di lavori pubblici, di servizi e di forniture, gli enti aggiudicatori sono tenuti a valutare che il valore economico sia adeguato e sufficiente rispetto al costo del lavoro e al costo relativo alla sicurezza, il quale deve essere specificamente indicato e risultare congruo rispetto all’entità e alle caratteristiche dei lavori, dei servizi

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Incentivi per la redazione di atti di pianificazione: occorre la stretta connessione alla progettazione di opere pubbliche

Nella Delibera n. 211 del 14 aprile 2015 della Corte dei conti Veneto, un Sindaco chiede un parere in merito

Commissione di gara: illegittima la presenza di rapporti gerarchici tra i componenti della stessa

Nella Sentenza n. 108 del 6 febbraio 2017 del Tar Marche, i Giudici si esprimono sulla composizione della Commissione di

Finanza locale: novità in materia di “spending” per Province e Città Metropolitane 

  La Finanza Locale, con Comunicato del 28 maggio 2015, ha reso noto sul sito istituzionale dell’Ente che nella seduta