Gestione economale e tipologia di spese correttamente sostenibili

Gestione economale e tipologia di spese correttamente sostenibili

Nella Sentenza n. 192 dell’11 giugno 2021 della Corte dei conti Calabria, con la relazione di irregolarità il Magistrato istruttore ha rimesso al Collegio il conto giudiziale, reso dall’Agente contabile, Economo del Comune in questione, per l’esercizio finanziario 2017, per una serie di irregolarità. La Sezione rileva che, poiché le gestioni economali hanno ad oggetto spese di modesta entità, richieste all’Economo per esigenze indifferibili ed urgenti di funzionamento degli Uffici, l’Economo stesso, prima di emettere ciascun buono economale ed azionare così la procedura di spesa, deve valutare se la richiesta ricevuta sia proporzionatamente e dettagliatamente circostanziata, nonché se rientri nel novero delle spese effettuabili nell’ambito della propria gestione. In caso contrario, non potrà costituire valida esimente la successiva approvazione delle spese da parte dell’Amministrazione. Ai fini dell’addebito delle spese irregolari all’Economo, occorre verificare di volta in volta se siano o meno ascrivibili ai fini istituzionali dell’Ente. L’inerenza delle spese obbligatorie ai fini istituzionali dell’Ente è in re ipsa. Invece, nel caso di spese di carattere discrezionale, la riconducibilità ai fini istituzionali deve essere oggetto di specifica valutazione da parte dell’organo che aveva disposto l’effettuazione della spesa. Dev’essere dichiarata l’irregolarità della gestione contabile, senza addebito, quando le spese in contestazione, seppur effettuate secondo una procedura irregolare, rientrano tutte nei fini istituzionali dell’Ente. 


Related Articles

Enti Territoriali: equilibri di bilancio

Nella Delibera n. 102 del 20 dicembre 2019 della Corte dei conti Trentino Alto Adige (Trento), viene chiesto un parere

Appalti di lavori: le indicazioni del Viminale sull’inserimento di nuove attività nella lista dei Settori a maggior rischio di infiltrazione mafiosa

Con la Circolare 28 luglio 2020, il Ministero dell’Interno ha fornito chiarimenti in merito all’inserimento di nuove attività nella lista

Esclusione da gara di Appalto: spetta al Dirigente il compito di adottare il provvedimento

Consiglio di Stato, Sezione V, Sentenza 16 luglio 2019, n. 4997 Nelle procedure d’appalto indette dagli Enti Locali spetta al

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.