Gestione rifiuti urbani: tempi stretti non giustificano l’avvio di una gara per l’affidamento del servizio

Gestione rifiuti urbani: tempi stretti non giustificano l’avvio di una gara per l’affidamento del servizio

Con la Sentenza n. 949 del 25 agosto 2015 il Tar Veneto si esprime sul caso di una Società interamente partecipata da 75 Comuni alla quale era stato affidato il servizio pubblico relativo ai rifiuti urbani ed assimilati di dette Amministrazioni locali. La Società chiede l’annullamento del provvedimento con il quale un Comune ha deciso di indire una procedura di evidenza pubblica per l’individuazione del nuovo gestore di tale servizio. La ricorrente lamenta come, nel procedere all’affidamento del Servizio in questione tramite procedura di evidenza pubblica, il Comune in questione non avrebbe motivato le ragioni tecnico-economiche per le quali tale

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“Art-bonus”: non ammessi i contributi erogati ad una Fondazione se non sussiste il requisito della “appartenenza pubblica”

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 250 del 16 luglio 2019, ha fornito nuovi chiarimenti in

Cosap: la sanzione per occupazione permanente abusiva è dovuta per ciascuna annualità

Nella Sentenza n. 271 del 21 febbraio 2019 della Corte di Appello di Genova, i Giudici hanno chiarito un importante

“Pola”: le Linee-guida approvate dal Ministero della P.A. e le indicazioni attuative

Come è noto, il ricorso al “lavoro agile” nella P.A., a causa dell’emergenza sanitaria da “Covid-19”, da modalità lavorativa pressoché