Giurisdizione: contributi e finanziamenti

Giurisdizione: contributi e finanziamenti

Nella Sentenza n. 693 del 12 dicembre 2018 del Tar Molise, i Giudici chiariscono che appartiene al Giudice ordinario la cognizione della controversia instaurata per ottenere gli importi dovuti o per contrastare la Pubblica Amministrazione che, servendosi degli istituti della revoca, della decadenza o della risoluzione, abbia ritirato il finanziamento o la sovvenzione sulla scorta di un preteso inadempimento da parte del beneficiario degli obblighi imposti dalla legge o dagli atti concessivi del contributo. Anche quando, all’origine del rapporto di finanziamento, sia intercorsa a regolare il rapporto stesso una Convenzione tra 2 Enti pubblici (l’erogatore e il beneficiario) quale atto consensuale, che tuttavia non è da ritenersi inquadrabile tra gli accordi ex art. 15 della Legge n. 241/1990. I Giudici specificano che all’origine dell’erogazione di un finanziamento pubblico concesso ad un Ente pubblico (Comune) con provvedimento unilaterale dell’Ente erogatore (Regione) non vi è un accordo sostitutivo di procedimento o di provvedimento tra le Amministrazioni pubbliche inquadrabile nello schema dell’accordo ex art. 15 della Legge n. 241/1990, non potendo essere considerata tale la Convenzione di finanziamento pubblico, atto consensuale accessorio alla concessione del finanziamento, essendo invero detta concessione disposta, non con l’accordo tra gli Enti, bensì con la Deliberazione regionale unilaterale. Pertanto, non sussiste alcuna ragione di riconducibilità dell’ipotesi in esame a fattispecie rientrante nella previsione dell’art. 133, comma 1, lett. a), del Cpa, per la quale devono essere devolute alla giurisdizione esclusiva del Giudice amministrativo le controversie aventi a oggetto la formazione, la conclusione e l’esecuzione degli accordi integrativi o sostitutivi di un provvedimento amministrativo, per la dirimente considerazione che il fatto genetico del diritto azionato non si radica in un atto pattizio tra gli Enti pubblici, integrante un’ipotesi di azione amministrativa per accordi, bensì in un atto unilaterale dell’Amministrazione regionale. Ne consegue che per i Giudici risulta confermabile, anche nel caso di specie, il tradizionale metodo di riparto di giurisdizione tra Giudice ordinario e Giudice amministrativo in materia di controversie riguardanti contributi e sovvenzioni pubbliche, da attuarsi sulla base del generale criterio fondato sulla natura della situazione soggettiva azionata.


Related Articles

Incentivi per funzioni tecniche: parametrazione in caso di concessione di servizi

Nella Delibera n. 455 del 27 novembre 2018 della Corte dei conti Veneto, viene chiesto un parere riguardante gli incentivi

Assimilabilità rifiuti speciali e urbani: il Tar censura la mancata emanazione del “Decreto Ambiente”

Nella Sentenza n. 4611 del 13 aprile 2017 del Tar Lazio, una Società ha agito per la dichiarazione dell’illegittimità del

Personale P.A.: il contenimento della spesa a seguito dell’entrata in vigore del Dl. n. 90/14

Nella Delibera n. 281 del 10 novembre 2014, della Corte dei conti Lombardia, il Sindaco di un Comune chiede se

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.