Ici: fabbricati utilizzati per attività ricettizia e Scuola materna

Ici: fabbricati utilizzati per attività ricettizia e Scuola materna

Nella Sentenza n. 25509 del 18 dicembre 2015 della Corte di Cassazione, la controversia concerne l’impugnazione di un avviso di accertamento ai fini Ici per gli anni 2009 e 2010 su una serie di immobili di proprietà dell’Istituto religioso, adibiti a Scuola materna dell’infanzia paritaria, Casa di accoglienza giovani, Casa per ferie o Casa religiosa di ospitalità. A sostegno dell’impugnazione erano dedotti, da un lato, la carenza di motivazione dell’atto impositivo e, dall’altro, il diritto all’esenzione prevista dall’art. 7, lett. i), del Dlgs. n. 504/92. Rispetto al rivendicato diritto all’esenzione, il Comune non negava la sussistenza del requisito soggettivo dell’Ente,

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Graduatoria concorsuale: se il Giudice la annulla, il provvedimento vale solo per i candidati che abbiano fatto ricorso

Nella Sentenza n. 3005 del 6 luglio 2016 del Consiglio di Stato, Sezione Terza, i Giudici statuiscono che qualora il

Organi di revisione degli Enti Locali: è applicabile l’art. 6, comma 3, del Dl. n. 78/10

Con la Delibera n. 155 del 21 ottobre 2015, la Corte dei conti Piemonte si esprime in merito alla corretta

Imposta di soggiorno: ridefiniti i codici-tributo per il versamento mediante Modello “F24”

Con Risoluzione n. 64/E dell’Agenzia delle Entrate del 30 maggio 2017, vengono ridenominati i codici-tributo istituiti per il versamento dell’Imposta