Ici: qualificazione di area edificabile

Ici: qualificazione di area edificabile

Nell’Ordinanza n. 29906 del 30 dicembre 2020 della Corte di Cassazione, un Ufficio “Tributi” di un Comune laziale notificava, ai fini Ici, avviso di accertamento concernente alcuni terreni, per l’anno d’imposta 2005, nei confronti di una Società immobiliare, per l’importo complessivo di Euro 11.752,90, a titolo di differenza dell’imposta dovuta, di interessi e sanzioni.

La Suprema Corte chiarisce che, in tema di Ici, le norme del Regolamento previsto dall’art. 59, comma 1, del Dlgs. n. 446/1997, adottato a norma del precedente art. 52 – con il quale i Comuni possono, tra l’altro, “determinare periodicamente e per zone omogenee i valori venali in comune commercio delle aree fabbricabili, al fine della limitazione del potere di accertamento del Comune” – possono essere legittimamente utilizzate dal Giudice, anche facendo riferimento al valore delle aree circostanti aventi analoghe caratteristiche, al fine di acquisire elementi di giudizio anche in relazione a periodi anteriori a quelli di emanazione del regolamento stesso, senza che ciò comporti alcuna applicazione retroattiva di norme, ma solo l’applicazione di un ragionamento presuntivo. Infatti, tali Regolamenti non hanno natura propriamente imperativa, ma svolgono funzione analoga a quella dei cosiddetti “Studi di settore”, previsti dagli artt. 62-bis e 62-sexies del Dl. n. 331/1993, convertito in Legge n. 427/1993, costituenti una diretta derivazione dei “redditometri” o “coefficienti di reddito e di ricavi” previsti dal Dl. n. 69/1989, convertito in Legge n. 154/1989, ed atteggiantisi come mera fonte di presunzioni “hominis”, vale a dire supporti razionali offerti dall’Amministrazione al Giudice, paragonabili ai bollettini di quotazioni di mercato o ai notiziari Istat, nei quali è possibile reperire dati medi presuntivamente esatti.

Peraltro, i Giudici di legittimità chiariscono che, in tema di Ici, la Delibera con cui la Giunta municipale provvede, ai sensi dell’art. 52 del Dlgs. n. 446/1997, ad indicare i valori di riferimento delle aree edificabili, come individuati dall’Ufficio “Tecnico comunale” sulla base di informazioni acquisite presso operatori economici della zona, è legittima, costituendo esercizio del potere, riconosciuto al Consiglio comunale dall’art. 59, lett. g), del Dlgs. n. 446/1997 citato, e riassegnato alla Giunta dal Dlgs. n. 267/2000 (Tuel), di determinare periodicamente e per zone omogenee i valori venali in comune commercio delle aree fabbricabili, al fine della delimitazione del potere di accertamento del Comune qualora l’Imposta sia versata sulla base di un valore non inferiore a quello predeterminato, e, pur non avendo natura imperativa, integra una fonte di presunzioni dedotte da dati di comune esperienza, idonei a costituire supporti razionali offerti dall’Amministrazione al Giudice, ed utilizzabili, quali indici di valutazione, anche retroattivamente.


Related Articles

Giudicati contrastanti: per la Cassazione prevale il più recente

La Corte di Cassazione con la Sentenza n. 8305 del 9 aprile 2014, ha affermato che se sulla medesima questione

Aliquote e tariffe: necessità di salvaguardare equilibri di bilancio non implica deroga da norme sul contenimento della pressione fiscale

Nella Delibera n. 133 del 27 aprile 2016 della Corte dei conti Lombardia, viene chiesto un chiarimento relativo alla portata

Fabbisogno del Settore statale di agosto 2015: aumenta il saldo negativo, 7,8 miliardi di Euro

Con il Comunicato-stampa n. 206 del 15 ottobre 2015, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha comunicato i dati di

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.