Il Data Governance Act, il nuovo Regolamento europeo per il mercato unico dei dati rischia di non essere abbastanza e favorire i grandi della tecnologia

Il Data Governance Act, il nuovo Regolamento europeo per il mercato unico dei dati rischia di non essere abbastanza e favorire i grandi della tecnologia

Sommario: 1. Dalla necessità all’opportunità; 1.1. Spinte per una governance unitaria, dalla Commissione Junker alla Commissione Von Der Leyen; 2. I contenuti della proposta di Regolamento; 2.1. La finalità del DGA; 2.2. Il rapporto col GDPR e i dati personali; 2.3. Definizioni e soggetti coinvolti; 2.4. Enti pubblici e dati in possesso delle PA; 2.5. Gli scambi di dati tra imprese e consumatori; 2.6. L’altruismo dei dati; 3. Le criticità della proposta di Regolamento; 3.1. Alcune definizioni mancanti; 3.2. La difficile compliance degli obblighi per gli Enti Pubblici; 3.3. Il caso Facebook e le zone grigie del Regolamento; 4. Conclusioni,

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“Decreto fiscale 2020”: l’analisi delle novità inserite a seguito della conversione in Legge n. 157/2019

È stata pubblicata, sulla G.U. n. 301 del 24 dicembre 2019, la Legge 19 dicembre 2019 n. 157 di conversione

Il Responsabile Anticorruzione dell’Ente: gli approfondimenti del “Piano nazionale Anticorruzione 2018”

L’Anac, con la Delibera n. 1074 del 21 novembre 2018, ha approvato, anche per l’anno in corso, l’aggiornamento al “Piano

Imposta di bollo: confermato l’assolvimento fin dall’origine per i contratti stipulati nella Piattaforma “Mepa”

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta n. 370 del 10 settembre 2019, ha fornito chiarimenti in merito all’Imposta di bollo

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.