Il Garante sanziona l’Inps per 300.000 Euro, il controllore dei furbetti del “bonus Covid” non tratta in modo lecito i dati personali raccolti

by Redazione | 23/03/2021 9:21

Sommario: 1. Introduzione; 2. I fatti e il contributo; 3. Le criticità rilevate dal Garante; 4. Un monito per ogni Ente che tratti dati personali in modo massiccio; 5. Conclusioni

  1. Introduzione

Ad un anno esatto dall’inizio del lockdown del 2020, il Garante per la protezione dei dati personali ha pubblicato, in data 9 marzo 2021, un provvedimento sanzionatorio nei confronti del massimo istituto previdenziale statale, l’Inps[1][1]. Il motivo è semplice: il trattamento dei dati personali, raccolti per l’erogazione dell’indennità “bonus Covid” (per ristorare le perdite subite durante i mesi di lockdown), è stato fatto in modo

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login[2] per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.
Endnotes:
  1. [1]: #_ftn1
  2. Login: https://www.entilocali-online.it/wp-login.php?redirect_to=https://www.entilocali-online.it/il-garante-sanziona-linps-per-300-000-euro-il-controllore-dei-furbetti-del-bonus-covid-non-tratta-in-modo-lecito-i-dati-personali-raccolti/

Source URL: https://www.entilocali-online.it/il-garante-sanziona-linps-per-300-000-euro-il-controllore-dei-furbetti-del-bonus-covid-non-tratta-in-modo-lecito-i-dati-personali-raccolti/