Il recesso degli Enti Locali dalle Società di capitali: il punto sulla disciplina

Il recesso degli Enti Locali dalle Società di capitali: il punto sulla disciplina
  1. L’istituto del recesso societario previsto per le Società di capitali dal Codice civile dopo la riforma del 2003

Il diritto di recesso del socio è un istituto generale previsto dal Codice civile che si sostanza in un atto unilaterale recettizio tramite il quale un socio esercita il proprio diritto in merito allo scioglimento del rapporto sociale. Tale potere si esercita mediante una dichiarazione negoziale che tuttavia non ha autonoma efficacia, ma è appunto recettizia, ovvero deve pervenire all’altra parte al fine di produrre i propri effetti[1].

La ratio dell’istituto, profondamente riformato ad opera del Dlgs. n. 6/03, può

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Società pubbliche: “sì” all’emanazione dell’Avviso pubblico prima della scadenza del mandato degli Amministratori in carica

Nella Sentenza n. 1489 del 20 settembre 2017 del Tar Lecce, un Comune, prima della scadenza del mandato, ha emanato

Iva su somme erogate da Enti pubblici ad Imprese: ribadito il non assoggettamento ad Iva se manca il rapporto negoziale

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 168 del 29 maggio 2019, è intervenuta di nuovo in

Società pubbliche: l’Osservatorio su finanza e contabilità Enti Locali si esprime sul divieto di conferire incarichi a soggetti in quiescenza

L’Osservatorio sulla finanza e la contabilità degli Enti Locali di cui all’art. 154, comma 2, del Dlgs. n. 267/2000 (Tuel),