Immigrazione: in caso di revoca dell’accoglienza del richiedente protezione internazionale scatta la cancellazione anagrafica

Immigrazione: in caso di revoca dell’accoglienza del richiedente protezione internazionale scatta la cancellazione anagrafica

Con la Circolare n. 5 del 18 maggio 2017, il Ministero dell’Interno-Direzione centrale per i Servizi Demografici, ha messo l’accento su una novità introdotta dall’art. 8, comma 1, lett. a)-bis, del Dl. n. 13/17 in materia di protezione internazionale e contrasto all’immigrazione illegale.

La norma citata, novellando il Dlgs. n. 142/15, ha stabilito che i richiedenti protezione internazionale debbano essere iscritti all’Anagrafe della popolazione residente, sia nel caso in cui siano ospitati nei Centri di prima accoglienza, che nel caso in cui siano in strutture temporanee o in uno dei Centri del circuito “Sprar” (“Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati”).

Viene anche previsto che, in caso di “variazione della convivenza”, il Responsabile della convivenza debba – entro 20 giorni – darne comunicazione all’Ufficio Anagrafe competente affinché il soggetto in questione possa essere contestualmente cancellato anche anagraficamente.

Come osservato dalla Direzione, è sostanzialmente introdotta una “una speciale disciplina della cancellazione anagrafica, con effetto immediato, applicabile alle ipotesi di revoca delle misure di accoglienza o di allontanamento ingiustificato del richiedente protezione internazionale”.

Rimane tuttavia salvaguardato il diritto dell’interessato ad essere nuovamente iscritto nel caso in cui la sua posizione dovesse subire una nuova variazione e le condizioni di partenza dovessero essere ripristinate.


Related Articles

Tardivo invio allo “Sdi” di fatture con Imposta a zero: è necessario ravvedersi?

Il testo del quesito: “Il ns. Servizio di ‘Pompe funebri’, per problemi informatici legati a degli importi nel ns. gestionale,

Offerta economicamente più vantaggiosa: illegittimo un punteggio economico superiore al 30%

Nella Sentenza n. 227 del 29 gennaio 2018 del Tar Catania, la questione controversa riguarda l’interpretazione dell’art. 95, comma 10-bis

Bilancio e ordinamento contabile: disposti nuovi differimenti per i Comuni colpiti dal sisma nel 2016

È stato pubblicato sulla G.U. n. 273 del 22 novembre 2017 il Decreto interministeriale che proroga i termini di alcuni