Impiego pubblico privatizzato: giurisdizione Giudice ordinario

Impiego pubblico privatizzato: giurisdizione Giudice ordinario

Nell’Ordinanza n. 8799 del 5 aprile 2017 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità si esprimono sulla giurisdizione delle controversie relative all’impiego pubblico privatizzato. In particolare, la Suprema Corte chiarisce che le controversie relative al conferimento degli incarichi dirigenziali, anche se implicanti l’assunzione di soggetti esterni all’Amministrazione, rientrano nella giurisdizione del Giudice ordinario, ai sensi dell’art. 63, comma 1, del Dlgs. n. 165/01, a norma del quale “sono devolute al Giudice ordinario, in funzione di Giudice del lavoro, tutte le controversie relative ai rapporti di lavoro alle dipendenze delle Pubbliche Amministrazioni di cui all’art. 1, comma 2, ad eccezione di quelle relative ai rapporti di lavoro di cui al comma 4, incluse le controversie concernenti l’assunzione al lavoro, il conferimento e la revoca degli incarichi dirigenziali e la responsabilità dirigenziale, (…)”, purché la selezione del destinatario dell’incarico non abbia carattere concorsuale, non trovando applicazione in tale ipotesi il disposto dell’art. 63, comma 4 del Dlgs. n. 165/01, in base al quale “restano devolute alla giurisdizione del Giudice amministrativo le controversie in materia di procedure concorsuali per l’assunzione dei dipendenti delle Pubbliche Amministrazioni, (…)”.

Dunque, in via generale, in tema d’impiego pubblico privatizzato, sono attribuite alla giurisdizione del Giudice ordinario tutte le controversie inerenti ad ogni fase del rapporto di lavoro, ivi comprese quelle relative al conferimento di incarichi dirigenziali, perché la riserva stabilita in favore del Giudice amministrativo concerne soltanto le procedure concorsuali strumentali all’assunzione o alla progressione in un’area o fascia superiore a quella di appartenenza, laddove gli atti di conferimento di incarichi dirigenziali, i quali non concretano procedure concorsuali ed hanno come destinatari persone già in servizio nonché in possesso della relativa qualifica, conservano natura privata in quanto rivestono il carattere di determinazioni negoziali assunte dall’Amministrazione con i poteri e le capacità del comune datore di lavoro.


Related Articles

“Recovery plan”: per accelerare gli investimenti, l’Antitrust invoca la sospensione del “Codice degli Appalti”

Stop all’applicazione del “Codice dei Contratti” per il tempo necessario per realizzare gli investimenti previsti nell’ambito del “Piano nazionale di

Tasi: se colpisce solo una categoria è illegittima

Nella Sentenza n. 1927 del 2 settembre 2015 del Tar Lombardia, i Giudici rilevano che, a tenore dei lavori preparatori