Imposta di bollo: in G.U. le specifiche sulla nuova modalità di pagamento per le “E-fatture”

Imposta di bollo: in G.U. le specifiche sulla nuova modalità di pagamento per le “E-fatture”

Con Dm. Mef datato 28 dicembre 2018 e pubblicato sulla G.U. n. 5 del 7 gennaio 2019, è stata disciplinata la nuova modalità di assolvimento dell’Imposta di bollo sulle “E-fatture” a partire dalle fatture elettroniche emesse dal 1° gennaio 2019.

In particolare, è stato modificato il comma 2, dell’art. 6, del Dm. Mef del 17 giugno 2014, che inizialmente prevedeva il pagamento in un’unica soluzione entro 120 giorni dalla chiusura dell’esercizio [30 aprile anno n+1].

Con la nuova normativa, con riferimento alle fatture elettroniche emesse, si prevede il pagamento dell’Imposta in ciascun trimestre solare entro il giorno 20 del primo mese successivo. Sarà l’Agenzia delle Entrate a rendere noto l’ammontare dell’Imposta dovuta sulla base dei dati presenti nelle fatture elettroniche inviate riportando l’importo all’interno dell’Area riservata del contribuente direttamente sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Il contribuente potrà inoltre scegliere – sempre all’interno dell’Area riservata – se pagare direttamente con addebito su conto corrente bancario o postale oppure utilizzando il Modello “F24” predisposto dall’Agenzia delle Entrate.

Ai fini di un corretto assolvimento, le fatture elettroniche soggette a bollo devono comunque riportare specifica annotazione di assolvimento dell’Imposta ai sensi del Decreto in oggetto.

Confermate, invece, le disposizioni precedenti per il pagamento dell’Imposta relativa ad atti, documenti e registri [art. 16, lett. a), Tariffa, Parte I, Allegato “A”, del Dpr. n. 642/72] “emessi” o “utilizzati” durante l’anno in un’unica soluzione entro 120 giorni dalla chiusura dell’esercizio.

A parere di chi scrive, senza dubbio la nuova modalità semplifica ulteriormente l’assolvimento; resta però da capire se il sistema che andrà a comunicare l’importo da pagare [prima scadenza 20 aprile 2019 per il primo trimestre] sarà in grado di “conteggiare” anche l’Imposta di bollo su fatture elettroniche non predisposte e di conseguenza non inviate correttamente, ad esempio senza la corretta dicitura.

Restiamo comunque in attesa di ulteriori specifiche relativamente al Servizio di pagamento sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

 


Related Articles

“Split payment”: ennesimo aggiornamento degli Elenchi dei soggetti interessati, che non tiene però conto delle novità in vigore dal 2018

Il Dipartimento delle Finanze ha diffuso lo scorso 21 novembre 2017 l’ennesimo aggiornamento degli Elenchi dei soggetti interessati dalle nuove

Istat: pubblicato l’aggiornamento dell’Indice sul costo della vita a marzo 2020

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 109 del 28 aprile 2020 il Comunicato Istat recante l’aggiornamento al mese di marzo

Finanziamento pubblico ai Partiti: in G.U. il Decreto che ne prevede l’abolizione a partire dal 2017

È stato pubblicato sulla G.U. n. 303 del 28 dicembre 2013, ed è in vigore dalla stessa data, il Dl.

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.