Imposta di bollo: come si assolve sui contratti di assicurazione presentati in sede di gara di contratti di appalto?

Imposta di bollo: come si assolve sui contratti di assicurazione presentati in sede di gara di contratti di appalto?

Il testo del quesito:

Come si assolve allImposta di bollo sui contratti di assicurazione presentati in sede di gara di contratti di appalto?

 

La risposta dei ns. esperti

Sull’argomento è utile far riferimento alla Circolare dell’Agenzia delle Entrate 10 maggio 2013, n. 15/E, la quale richiama l’art. 16, della Legge n. 1216/61, recante “Disposizioni tributarie in materia di assicurazioni private e di contratti vitalizi”, precisando che nell’Imposta sulle assicurazioni private “(…) sono compenetrate le Imposte di bollo dovute sui contratti di assicurazione, riassicurazione e di rendita vitalizia, sulle ricevute parziali di pagamento, sulle quietanze (…) e su ogni atto inerente allacquisizione, gestione ed esecuzione dei contratti di assicurazione (…) posto in essere nei rapporti dellassicuratore (…) con gli assicurati. Con la richiamata disposizione, il Legislatore ha inteso escludere lapplicazione dellImposta di bollo per agli atti relativi ai contratti di assicurazione, fermo restando il limite rappresentato dallinerenza di tali atti alla gestione del contratto di assicurativo. Deve, quindi, ritenersi che per le polizze assoggettate allImposta sulle assicurazioni non è dovuta lImposta di bollo.”

Con riferimento allo specifico caso delle polizze assicurative presentate in sede di gara, l’art. 103, del Dlgs. n. 50/16 (“Nuovo Codice degli appalti”), stabilisce che “lesecutore dei lavori è obbligato a costituire e consegnare alla stazione appaltante almeno 10 giorni prima della consegna dei lavori anche una polizza di assicurazione che copra i danni subiti dalle stazioni appaltanti a causa del danneggiamento o della distruzione totale o parziale di impianti ed opere, anche preesistenti, verificatisi nel corso dellesecuzione dei lavori. Nei documenti e negli atti a base di gara o di affidamento è stabilito limporto della somma da assicurare che, di norma, corrisponde allimporto del contratto stesso qualora non sussistano motivate particolari circostanze che impongano un importo da assicurare superiore. La polizza del presente comma deve assicurare la stazione appaltante contro la responsabilità civile per danni causati a terzi nel corso dellesecuzione dei lavori il cui massimale è pari al cinque per cento della somma assicurata per le opere (…)”.

Atteso quanto sopra, riteniamo che:

  • i contratti di assicurazione siano esenti da Imposta di bollo secondo quanto precisato dalla citata Circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 15/E del 2013;
  • le polizze assicurative presentate in sede di gara d’appalto non debbano essere assoggettate ad Impos

    di Alessio Malucchi e Giuseppe Vanni

     


Related Articles

Responsabilità: assoluzione relativa alla concessione di un contributo straordinario alla Società che gestisce gli Impianti sportivi comunali

Corte dei conti – Sezione prima giurisdizionale centrale d’appello – Sentenza n. 661 del 16 settembre 2013 Oggetto Assoluzione di

Passaggio dal regime Tarsu a quello Tia

Nella Sentenza n. 8911 del 6 aprile 2018 della Corte di Cassazione, una Società, incaricata dal Comune in questione allo

Incentivo alla progettazione: applicazione delle disposizioni del Dl. n. 90/14 alle opere avviate prima della sua entrata in vigore

Nella Delibera n. 300 del 13 novembre 2014 della Corte dei conti Lombardia, la Sezione si esprime su una richiesta