Imposta sulla pubblicità: è dovuta dalle Agenzie immobiliari che espongono cartelli in vetrina

Imposta sulla pubblicità: è dovuta dalle Agenzie immobiliari che espongono cartelli in vetrina

Le Agenzie immobiliari che espongono cartelli in vetrina sono tenuti a pagare l’imposta sulla pubblicità. A sancire questo principio, attraverso l’Ordinanza del 16 ottobre 2014, n. 21966, è stata la Corte di Cassazione che ha statuito che l’imposta è dovuta per i cartelli esposti nelle vetrine, raffiguranti case in vendita o in locazione, con le relative descrizioni. Tali cartelli, secondo i Giudici di legittimità, devono essere considerati mezzi pubblicitari in quanto sponsorizzano la vendita o la locazione degli immobili raffigurati e pertanto promuovono l’offerta di servizi dell’agenzia che di tali immobili gestisce la mediazione. L’Agenzia immobiliare dunque beneficia dell’effetto promozionale creato dai cartelli anche indipendentemente dalla riproduzione, sugli stessi, del proprio logo o recapiti.


Tags assigned to this article:
agenzieimpostapubblicitàviaggio

Related Articles

Pubblica Amministrazione che si avvale della graduatoria approvata da altro Ente

Nella Sentenza n. 1079 del 19 ottobre 2017 del Tar Puglia, la questione controversa in esame riguarda la scelta di

Riscossione: notifica con Pec della cartella di pagamento

Nella Sentenza n. 937 del 9 dicembre 2020 della Ctr Toscana, i Giudici chiariscono che la notifica della cartella a

Delibere riguardanti aliquote e Regolamenti di Tributi locali: sono illegittime se approvate in ritardo

Nella Sentenza n. 3277 del 18 maggio 2018 del Tar Napoli, la controversia in oggetto verte sull’approvazione da parte di