Imu: dev’essere pagata anche dai Consorzi di bonifica

La Corte di Cassazione, nella Sentenza n. 22647 del 24 ottobre 2014, ha statuito che i Consorzi di bonifica sono concessionari dei beni demaniali che vengono loro affidati e non sono solo dei semplici detentori, pertanto, devono pagare sia l’Ici sia l’Imu. Questi non possono beneficiare dell’esenzione dalle Imposte comunali nonostante esercitino una funzione pubblica di rilevanza costituzionale. I Giudici di legittimità osservano che in base all’art. 3, del Dlgs. n. 504/92, il Consorzio assume la qualifica di concessionario di aree demanialie pertanto è soggetto al pagamento dell’Imu e dell’Ici. Dunque, la relazione tra il Consorzio ed i beni non può essere relegata alla mera detenzione. Inoltre la Suprema Corte precisa che l’art. 7 del Dlgs. n. 504/92 non contempla i Consorzi tra i beneficiari dell’agevolazione riguardante l’esenzione dall’Imposta, ancorché la bonifica del territorio sia adatto ad una funzione pubblica di rilevanza costituzionale.


Tags assigned to this article:
bonificaconsorziIciImu

Related Articles

L’uso della fascia tricolore

In vista delle ormai prossime Elezioni amministrative che vedranno il coinvolgimento di 1.154 Comuni italiani, ho ritenuto utile ripercorrere la

Agevolazioni “prima casa”: non spettano se la collocazione urbanistica è quella di “villa con giardino”

Nella Sentenza n. 13312 del 28 giugno 2016, la Corte di Cassazione afferma che, in tema di benefici fiscali per

Delega da parte del Comune dei poteri di accertamento e riscossione al Concessionario

Nell’Ordinanza n. 25293 del 9 ottobre 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che, in tema di