Incarico di Revisore di un Ente Locale a dipendente pubblico: necessaria autorizzazione della P.A.

Incarico di Revisore di un Ente Locale a dipendente pubblico: necessaria autorizzazione della P.A.

Un dipendente pubblico può svolgere l’incarico di Revisore di un Ente Locale ma è necessario che l’Ente di appartenenza dia l’autorizzazione, valutando l’eventuale presenza di conflitti di interesse ed il servizio venga svolto al di fuori dell’orario di servizio: è quanto affermato dal Ministero dell’Interno – Dipartimento per gli Affari interni e territoriali – nel Parere pubblicato sul sito istituzionale il 25 gennaio 2021.

Il Dipartimento, pur indicando che, a prima facie, non sembra ricorrere un’ipotesi di incompatibilità ex art. 236 del Tuel, alla nomina del dipendente pubblico a Revisore di un Ente Locale (ipotesi che, come è noto, sono tipiche e nominate dal Legislatore e, pertanto, non derogabili né estensibili per analogia ad altri casi che non siano quelli espressamente previsti), ritiene che ai fini della concreta valutazione del caso specifico debba applicarsi quanto previsto dall’art. 53, comma 5, del Dlgs. n. 165/2001, secondo cui “in ogni caso, il conferimento operato direttamente dall’Amministrazione, nonché l’autorizzazione all’esercizio di incarichi che provengano da Amministrazione pubblica diversa da quella di appartenenza, ovvero da Società o persone fisiche, che svolgano attività d’impresa o commerciale, sono disposti dai rispettivi Organi competenti secondo criteri oggettivi e predeterminati, che tengano conto della specifica professionalità, tali da escludere casi di incompatibilità, sia di diritto che di fatto, nell’interesse del buon andamento della Pubblica Amministrazione o situazioni di conflitto, anche potenziale, di interessi, che pregiudichino l’esercizio imparziale delle funzioni attribuite al dipendente”.

Pertanto, resta fondamentale l’autorizzazione dell’Amministrazione di appartenenza, per la valutazione delle incompatibilità ex legis e per eventuali conflitti di interesse del caso concreto, ai sensi della Legge n. 190/2012 e del Dlgs. n. 39/2013.


Related Articles

Fatturazione elettronica: al via il nuovo formato “FatturaPA”, valido sia per le interazioni con la P.A. che tra privati

Con un Comunicato congiunto diramato l’11 novembre 2016, l’Agenzia delle Entrate e l’Agenzia per l’Italia digitale (Agid), hanno reso noto

Previsionale 2016 e consuntivo 2015: al via la rilevazione del Viminale per verificare quanti Enti non hanno rispettato i termini

La scadenza per l’approvazione del bilancio di previsione 2016-2018 e del rendiconto di bilancio 2015 è ormai passata da quasi

“Nuovo Codice”: approvate in via preliminare le “Linee guida” per il ricorso a procedure negoziate senza previa pubblicazione di un bando

Il Consiglio dell’Anac, nell’adunanza del 31 agosto 2016, ha approvato, in via preliminare, il Documento denominato “Linee guida per il

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.