Incarico a titolo gratuito: cariche in Organi di governo di Enti e Società controllate a soggetti titolari di pensione

Incarico a titolo gratuito: cariche in Organi di governo di Enti e Società controllate a soggetti titolari di pensione

Nella Delibera n. 28 del 31 gennaio 2019 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco ha chiesto un parere sull’ambito di applicabilità dell’art. 9, comma 5 del Dl. n. 95/2012, il quale disciplina il divieto per le Pubbliche Amministrazioni di conferire incarichi retribuiti a lavoratori pubblici e privati in quiescenza. La Sezione rileva che la ratio della disposizione citata si collega al “carattere limitato delle risorse pubbliche”, che “giustifica la necessità di una predeterminazione complessiva – e modellata su un parametro prevedibile e certo – delle risorse che l’Amministrazione può corrispondere a titolo di retribuzioni e pensioni”. Quindi, la possibilità da parte di un Ente pubblico territoriale, quale il Comune, di conferire cariche in Organi di governo di Enti e Società controllate a soggetti titolari di pensione è consentita solo nel caso in cui l’incarico de quo sia a titolo gratuito. È infatti vietata la corresponsione di un compenso a soggetti collocati in quiescenza. E’ evidente che la modifica di status del soggetto incaricato (da dipendente a pensionato) nel corso dell’espletamento del mandato e, quindi, la “sopravvenienza” di una situazione giuridica diversa rispetto a quella inizialmente considerata all’atto del conferimento dell’incarico, determina l’obbligo di applicare la normativa prevista per lo status sopravvenuto, con la medesima decorrenza e col prescritto regime di gratuità.


Related Articles

Pubblico impiego: condanna di un dipendente che ha navigato per motivi personali su internet in orario di lavoro

Nella Sentenza n. 22 del 10 marzo 2016 della Corte dei conti Liguria, è stato citato in giudizio un impiegato

Diritto di rogito: spettano a un Vice-Segretario di Fascia “B”?

Il testo del quesito: “Un Vice-Segretario appartenente alla Fascia ‘B’, dopo l’approvazione del Dl. n. 90/14, può ancora percepire legittimamente

Consorzi: Anac si esprime sulla inconferibilità al Sindaco della carica di Presidente

Con la Delibera n. 453/18 l’Anac, nell’esercizio dei propri poteri ispettivi e di accertamento ex art. 16 del Dlgs. n.

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.