Incentivi per funzioni tecniche: non dovuti in caso di concessioni

Incentivi per funzioni tecniche: non dovuti in caso di concessioni

Nella Delibera n. 15 del 25 giugno 2019 della Corte dei conti Autonomie, la Sezione enuncia il seguente Principio di diritto: “alla luce dell’attuale formulazione dell’art. 113 del Dlgs. n. 50/2016, gli incentivi ivi disciplinati sono destinabili al personale dipendente dell’Ente esclusivamente nei casi di contratti di appalto e non anche nei casi di contratti di concessione”. In particolare, la Sezione osserva che l’art. 113 del Dlgs. n. 50/2016, calibrato inequivocabilmente sulla tipologia dei contratti di appalto, prevede:

  • al comma 1, che gli oneri per gli incentivi in questione “fanno carico agli stanziamenti previsti per i singoli appalti di lavori, servizi e forniture negli stati di previsione della spesa o nei bilanci delle stazioni appaltanti”;
  • al comma 2, si istituisce un fondo “a valere sugli stanziamenti di cui al comma 1”, e le risorse finanziarie che lo alimentano (nella misura non superiore al 2%) sono “modulate sull’importo dei lavori, servizi e forniture, posti a base di gara”;
  • ai commi 3 e 5 si fa riferimento all’acquisizione di lavori servizi e forniture;
  • al comma 5-bis infine sancisce che “gli incentivi di cui al presente articolo fanno capo al medesimo capitolo di spesa previsto per i singoli lavori, servizi e forniture”.

Quindi, i compensi incentivanti, per chiara affermazione del Legislatore, costituiscono un “di cui” delle spese per contratti appalto e non vi è alcun elemento ermeneutico che possa far ritenere estensibile le disposizioni dell’art. 113 del “Codice dei Contratti” in esame anche alle concessioni, non essendo normativamente previsto uno specifico stanziamento non riconducibile ai capitoli dei singoli lavori, servizi e forniture.


Related Articles

Compensazione ritenute con Modello “F24”: le nuove regole non soggiacciono al divieto di compensazione in presenza di ruoli scaduti

  A seguito di numerose richieste di chiarimenti ricevute, l’Agenzia delle Entrate è intervenuta, con la Risoluzione n. 73/E del

Selezione per il conferimento degli incarichi dirigenziali a contratto: la giurisdizione è del Giudice ordinario

Nella Sentenza n. 2526 del 29 maggio 2017 del Consiglio di Stato, un Comune ha bandito una selezione pubblica per

“Servizi educativi scolastici” e “Trasporto scolastico” nell’art. 48 del Dl. n. 18/2020

Nella Delibera n. 146 del 2 novembre 2020 della Corte dei conti Veneto, viene chiesto se le misure previste dall’art.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.