Inconferibilità per gli incarichi di Amministratore in Enti privati sotto il controllo pubblico: dopo la Pronuncia della Consulta non è più vietato cumulare più cariche

di Federica Giglioli

Con la Sentenza n. 98/2024 i Giudici della Consulta hanno dichiarato l’illegittimità costituzionale degli artt. 1, comma 2, lett. f), e 7, comma 2, lett. d), del Dlgs. n. 39/2013, nella parte in cui non consentono di conferire l’incarico di Amministratore di Ente di diritto privato (sottoposto a controllo pubblico da parte di una Provincia, di un Comune con popolazione superiore a 15.000 abitanti, o di una forma associativa tra Comuni avente la medesima popolazione), in favore di coloro che, nell’anno precedente, abbiano ricoperto la carica di Presidente o Amministratore delegato di Enti di diritto privato controllati

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.