Indennità di turno: serve a compensare “la particolare penosità del lavoro”

Indennità di turno: serve a compensare “la particolare penosità del lavoro”

 

Nella Sentenza n. 24439 del 1° dicembre 2015 della Corte di Cassazione, si è espressa in materia di indennità di turno. In base al Contratto collettivo del Comparto Sanità, l’orario di lavoro settimanale è di regola di 36 ore articolate su 5 giornate lavorative, fatte salve le esigenze di continuità del servizio (è il caso del lavoro in turni). I 3 turni necessari per la copertura delle 24 ore giornaliere sono di 8 ore ciascuno. In questo caso, l’orario settimanale diviene di 40 ore (8 ore per 5 giorni lavorativi), pur restando fermo l’orario teorico contrattualmente previsto di 36

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“Beni significativi”: i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate alla luce dell’interpretazione autentica fornita dalla “Legge di bilancio 2018”

L’Agenzia delle Entrate, con la Circolare n. 15/E del 12 luglio 2018, ha fornito chiarimenti in ordine alla disciplina dei

Concorsi pubblici: obbligo di comunicazione del risultato della valutazione dei titoli prima dell’effettuazione della prova orale

Nella Sentenza n. 350 del 2 marzo 2017 del Tar Calabria, il ricorrente ha partecipato ad una procedura selettiva, per

Notifica a familiare del contribuente

Nell’Ordinanza n. 11815 del 18 giugno 2020 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che la consegna dell’atto