Indennità di funzione degli Amministratori locali: principio di invarianza della spesa

Indennità di funzione degli Amministratori locali: principio di invarianza della spesa

Nella Delibera n. 337 del 12 dicembre 2018 della Corte dei conti Lombardia, un Comune ha chiesto un parere sull’interpretazione del principio dell’invarianza della spesa relativa alle indennità di funzione degli Amministratori locali, stabilito dall’art. 1, comma 136, della Legge n. 56/2014. La Sezione pone in evidenza la Delibera n. 35/2016 della Sezione Autonomie, che ha fissato il seguente principio di diritto: “non è oggetto di rideterminazione l’indennità di funzione relativa all’esercizio dello status di Amministratore, che spetta nella misura prevista dalla Tabella A del Dm. n. 119/2000, con la riduzione di cui all’art. 1, comma 54, della Legge n. 266/2005”. Detta Sezione ha infatti chiarito, in relazione all’indennità di funzione del Sindaco e degli Amministratori comunali, come “la stessa sia sottratta alla disposizione di cui al comma 136, finalizzata al contenimento ed alla neutralizzazione di un possibile incremento di spesa”. Conseguentemente, al riguardo, l’Ente Locale deve “considerare gli oneri connessi facendo riferimento agli importi tabellari per classe demografica di cui al Dm. n. 119/2000”, senza dunque “effettuare un ‘congelamento’, in termini assoluti e relativamente ad un determinato momento storico, della detta spesa”. Dunque, spetta al Comune richiedente, sulla base dei principi così espressi, valutare attentamente la fattispecie prospettata, al fine di addivenire ad una corretta applicazione in concreto della disciplina legislativa in materia di spesa pubblica per gli oneri connessi alle attività degli Amministratori locali dei Comuni.


Related Articles

Commissione giudicatrice: può farne parte colui che sarà nominato Direttore dell’esecuzione

Nella Sentenza n. 819 del 4 febbraio 2019 del Consiglio di stato, i Giudici affermano che può essere nominato componente

Patto di stabilità: nuova richiesta Anci al Mef per la riduzione delle sanzioni per sforamento

Un provvedimento d’urgenza che riduca le sanzioni per violazione del Patto di stabilità per l’anno 2015 e la costituzione di

Commissione Ue: le previsioni economiche d’inverno prevedono per il Pil italiano un rialzo del 3,4%, “Next Generation EU” escluso

Il Pil italiano, la cui contrazione per l’anno scorso è stata – stando all’Istat – pari all’8,8%, dovrebbe risalire nel

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.