Indennità di servizio esterno: i chiarimenti dell’Aran

Indennità di servizio esterno: i chiarimenti dell’Aran

L’Aran, con il recente Orientamento applicativo CFL_51, ha fornito chiarimenti circa i presupposti applicativi dell’indennità di servizio esterno riconoscibile ai dipendenti di Polizia locali ai sensi dell’art. 56-quinquies del Ccnl. “Funzioni locali” 21 maggio 2018.

Secondo l’Agenzia, il riconoscimento della indennità ivi prevista può essere garantito solo al personale che, continuativamente, e quindi in maniera non saltuaria o occasionale, sulla base dell’organizzazione del lavoro adottata, renda effettivamente la propria prestazione lavorativa ordinaria in servizi di vigilanza esterni sul territorio, fuori degli Uffici, nell’ambito, non solo della vigilanza stradale ma di tutte le altre molteplici funzioni della Polizia locale.

Qualora particolari esigenze organizzative dell’Ente o, in caso di fruizione da parte del dipendente, di specifici permessi ad ore, previsti sia dalla legge che dalla Contrattazione collettiva, la prestazione lavorativa nei servizi esterni non copra la durata della giornata lavorativa, l’indennità sarà necessariamente riproporzionata tenendo conto solo delle ore effettivamente rese nei servizi esterni. Il presupposto per l’applicazione della disciplina contrattuale infatti è legato “all’effettivo svolgimento del servizio esterno”. Allo stesso modo, l’indennità in questione non potrà essere erogata nei casi di assenze per l’intera giornata lavorativa, qualunque sia la motivazione della stessa.


Related Articles

Incentivi alla progettazione: la Corte Lombardia circoscrive i casi in cui possono essere corrisposti

Nella Delibera n. 417 del 16 novembre 2015 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco ha formulato una richiesta di

Mutui Enti Locali: Cassa DD.PP. proroga i termini relativi al nuovo programma di rinegoziazione

Con il Comunicato 20 novembre 2015, Cassa Depositi e Prestiti Spa ha annunciato la proroga alle ore 13:00 del 23

Imu terreni agricoli montani: l’Anci chiede l’abolizione

Se Umberto Di Primio, Sindaco di Chieti e rappresentante Anci in Conferenza Stato-Città, si era limitato a invocare una ulteriore

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.