Indennità spettante al Vice-Sindaco che svolge le funzioni di Sindaco

Indennità spettante al Vice-Sindaco che svolge le funzioni di Sindaco

Nella Delibera n. 4 del 14 gennaio 2021 della Corte dei conti Liguria, un Comune ha chiesto un parere in merito all’indennità spettante al Vice-Sindaco che, nelle ipotesi di decadenza del Sindaco, svolge, ai sensi dell’art. 53, comma 1, del Dlgs. n. 267/2000 (Tuel), le funzioni a quest’ultimo spettanti. La Sezione, ricordato che nel caso di dimissioni, impedimento permanente, rimozione, decadenza o decesso del Sindaco, il Vice-Sindaco (art. 46, comma 2, del Tuel) lo sostituisce e assume la reggenza dell’Ente fino alle nuove Elezioni, ha chiarito che al Vice-Sindaco deve essere corrisposta, nel periodo di reggenza, in luogo di quella determinata ai sensi degli artt. 3, comma 6, e 4 del Dm. n. 119/2000, l’indennità nella misura stabilita per il Sindaco.

Lo stesso trattamento spetta al Vice-Sindaco nel periodo di reggenza della carica a seguito della sospensione del Sindaco disposta per le cause previste degli artt. 10 e 11 del Dlgs. n. 235/2012 (che hanno rivisto la disciplina in materia di incandidabilità, anche presso Enti Locali, abrogando gli artt. 58 e 59 del Tuel), fino alla cessazione di tali misure o, nel caso di pronuncia di decadenza, fino all’elezione del nuovo Sindaco. Al contrario, l’attività di ordinaria supplenza del Sindaco, assente per motivi temporanei (l’assenza o impedimento previsti dal comma 2 dell’art. 53), non comporta l’attribuzione al Vice-Sindaco dell’indennità spettante al Sindaco, trattandosi di ordinario esercizio di funzioni pertinenti alla sua carica, per le quali l’art. 4 del Dm. n. 119/2000, ha stabilito una misura dell’indennità di funzione già più elevata di quella attribuita agli assessori. Peraltro, la Sezione ha previsto che tale soluzione non comporta alcuna implicazione in termini di maggiori oneri per il bilancio comunale, posto che nel caso di sostituzione con pieno esercizio delle funzioni vicarie, discendente da uno degli eventi qualificati dalla legge (impedimento permanente, rimozione, decadenza o decesso del Sindaco, ex art. 53, comma 1, del Tuel), al maggior onere discendente dall’attribuzione al Vice-Sindaco dell’indennità spettante al Sindaco, ex Dm. n. 119/2000, fa riscontro il risparmio derivante dalla mancata erogazione della medesima indennità al Sindaco eletto.


Related Articles

Amministrazioni provinciali: “no” al conferimento di un incarico da Portavoce

Nella Delibera n. 201 del 13 dicembre 2016 della Corte dei conti Puglia, viene chiesto un parere sulla possibilità di

Lavoro e inquadramento: categoria contrattuale diversa da quella asseritamente spettante

Nella Sentenza n. 155 del 18 maggio 2021 del Tar Friuli Venezia Giulia, i Giudici chiariscono che l’inquadramento dei lavoratori

Prime analisi della Corte dei conti sulla qualità della spesa dei Comuni

Nella Delibera n. 14 del 6 agosto 2021 della Corte dei conti Autonomie, la Sezione ha approvato la Relazione “Prime

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.