Influenza, crescono casi tra bimbi: più cattiva degli anni scorsi

(Adnkronos) –
L’influenza 2022-2023 si sta confermando più ‘cattiva’ di quella degli anni scorsi. Tra il 7 e il 13 novembre, i casi aumentano soprattutto tra i bimbi minori di 5 anni, con un’incidenza quasi tripla rispetto a quella totale, e “la curva epidemica delle sindromi simil-influenzali mostra valori sopra la soglia epidemica e superiori a quelli registrati nelle ultime stagioni”. E la fotografia scattata dall’ultimo bollettino della rete di medici sentinella InfluNet, aggiornato dall’Istituto superiore di sanità. “Si intensifica la circolazione dei virus influenzali – indica il report – anche se a far crescere il numero delle sindromi simil-influenzali, in queste prime settimane di sorveglianza, hanno concorso anche altri virus respiratori”. 

Nel periodo analizzato, i casi stimati di sindromi simil-influenzali rapportati all’intera popolazione italiana sono circa 388mila, per un totale di circa 1 milione e 180mila connazionali già contagiati a partire dall’inizio della sorveglianza. Nella 45esima settimana 2022 l’incidenza complessiva è pari a 6,57 casi per mille assistiti (erano 4,8 per mille la settimana precedente). Nella fascia di età 0-4 anni l’incidenza è pari a 19,64 casi per mille assistiti; dai 5 ai 14 anni è di 9,27 casi/mille; dai 15 ai 64 anni è di 5,85/mille e dai 65 anni in su di 3,48/mille. 

“Tutte le regioni, tra quelle che hanno attivato la sorveglianza – si legge nel bollettino – hanno superato la soglia basale” epidemica, “tranne Molise, Basilicata e Valle d’Aosta. In Lombardia e Umbria l’incidenza delle sindromi simil-influenzali ha raggiunto il livello di media entità”. Campania, Calabria e Sardegna non hanno ancora attivato la sorveglianza InfluNet. 


Related Articles

Strage Linate: l’esperto, ‘nessuna coincidenza con San Donato, ma più ispezioni per migliorare sicurezza’

“L’incidente di Linate ha portato negli anni ad azioni correttive. Sono state messe in atto anche numerose misure preventive, che

Covid, Pregliasco: “Picco ancora non raggiunto, rischio alto anche a Natale”

(Adnkronos) – Anche se l’incidenza di Covid in Italia segna una riduzione e l’Rt mostra un lieve calo, con una

Ucraina, Russia: “Azioni dei Paesi occidentali sono una guerra”

(Adnkronos) – I paesi occidentali “sono diventati stati ostili” e conducono “una guerra ibrida” contro la Russia. A dirlo è

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.