Informativa antimafia atipica: rescissione del contratto a distanza di tempo dall’informativa

Informativa antimafia atipica: rescissione del contratto a distanza di tempo dall’informativa

Nella Sentenza n. 956 dell’11 novembre 2019 del Cga Sicilia, i Giudici chiariscono che, nel caso di Informativa Antimafia atipica, spetta all’Amministrazione valutare autonomamente, nell’esercizio del suo potere discrezionale, il “peso” delle informazioni ricevute dalla Prefettura, informazioni di per sé non automaticamente “interdittive”, valutazione che ben può essere compiuta anche in un momento successivo alla comunicazione e portare a rescindere un contratto a distanza di tempo dalla stessa Informativa. I Giudici precisano che il mutamento di indirizzo a seguito di una nuova valutazione dell’interesse pubblico costituisce una prassi ammessa dall’ordinamento, ed a maggior ragione allorquando sopraggiungano fatti o norme che suggeriscano o che impongano di riesaminare la questione già affrontata.

Ed ancora, i Giudici pongono in evidenza che la legislazione Antimafia applicabile alla fattispecie ratione temporis – e cioè il Dlgs. n. 159/2011 (poi modificato ed integrato dal Dlgs. n. 2189/2012) applicabile al momento della adozione del Provvedimento rescissorio (11 settembre 2012) – è sufficientemente chiara nel disporre che “la revoca e il recesso (… omissis …) si applicano anche quando gli elementi relativi a tentativi di infiltrazione mafiosa siano accertati successivamente alla stipula del contratto (…)”. Infine, aggiungono i Giudici che l’Informativa Antimafia atipica non è suscettibile di scadenza in quanto non produce nessun effetto se non quello di comunicare – con un’azione che è fisiologicamente diretta a durare per sempre – l’accadimento di un fatto. E, nel descriverlo, di “storicizzarne”, per ogni eventuale effetto ammesso dalla legge, l’avvenimento. Sicchè è fisiologico che, a fronte di un’Informativa atipica il Provvedimento rescissorio possa essere adottato anche a distanza di molto tempo rispetto al momento in cui si realizza il fatto del quale viene dato avviso all’Amministrazione che riceve la notizia. Infatti, ciò può dipendere dal tempo che il soggetto controllato impiega per determinare le condizioni per l’infiltrazione mafiosa.


Related Articles

“Fondo per l’espletamento delle funzioni fondamentali degli Enti Locali”: pubblicato il Decreto che stabilisce le modalità e i criteri di riparto di 3,5 miliardi

Insieme alla conversione in Legge n. 77/2020 del Dl. n. 34/2020 c.d. “Dl. Rilancio” è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale

Istituzione sede farmaceutica: se la prima Delibera è annullata quella successiva dev’essere qualificata come nuova determinazione

La Sentenza n. 2956 del 15 giugno 2015 del Consiglio di Stato evidenzia che la qualificazione dell’atto amministrativo debba essere

Appalti: indagine su applicazione Codice riguardo a importo stimato e irregolarità procedure affidamento capoluoghi di Provincia

E’ stato pubblicato il Comunicato del Presidente dell’Anac 16 aprile 2015, che riporta i risultati dell’indagine sulla corretta applicazione delle

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.