Informativa antimafia atipica: rescissione del contratto a distanza di tempo dall’informativa

Informativa antimafia atipica: rescissione del contratto a distanza di tempo dall’informativa

Nella Sentenza n. 956 dell’11 novembre 2019 del Cga Sicilia, i Giudici chiariscono che, nel caso di Informativa Antimafia atipica, spetta all’Amministrazione valutare autonomamente, nell’esercizio del suo potere discrezionale, il “peso” delle informazioni ricevute dalla Prefettura, informazioni di per sé non automaticamente “interdittive”, valutazione che ben può essere compiuta anche in un momento successivo alla comunicazione e portare a rescindere un contratto a distanza di tempo dalla stessa Informativa. I Giudici precisano che il mutamento di indirizzo a seguito di una nuova valutazione dell’interesse pubblico costituisce una prassi ammessa dall’ordinamento, ed a maggior ragione allorquando sopraggiungano fatti o norme che suggeriscano o che impongano di riesaminare la questione già affrontata.

Ed ancora, i Giudici pongono in evidenza che la legislazione Antimafia applicabile alla fattispecie ratione temporis – e cioè il Dlgs. n. 159/2011 (poi modificato ed integrato dal Dlgs. n. 2189/2012) applicabile al momento della adozione del Provvedimento rescissorio (11 settembre 2012) – è sufficientemente chiara nel disporre che “la revoca e il recesso (… omissis …) si applicano anche quando gli elementi relativi a tentativi di infiltrazione mafiosa siano accertati successivamente alla stipula del contratto (…)”. Infine, aggiungono i Giudici che l’Informativa Antimafia atipica non è suscettibile di scadenza in quanto non produce nessun effetto se non quello di comunicare – con un’azione che è fisiologicamente diretta a durare per sempre – l’accadimento di un fatto. E, nel descriverlo, di “storicizzarne”, per ogni eventuale effetto ammesso dalla legge, l’avvenimento. Sicchè è fisiologico che, a fronte di un’Informativa atipica il Provvedimento rescissorio possa essere adottato anche a distanza di molto tempo rispetto al momento in cui si realizza il fatto del quale viene dato avviso all’Amministrazione che riceve la notizia. Infatti, ciò può dipendere dal tempo che il soggetto controllato impiega per determinare le condizioni per l’infiltrazione mafiosa.


Related Articles

Notifica telematica di atto processuale ad una P.A.: è valido solo se inviato alla Pec inserita nel Registro del Ministero della Giustizia

Nella Sentenza n. 1842 del 13 luglio 2017 del Tar Palermo, i Giudici si esprimono sulla validità della notifica telematica

Revisori: le novità in materia di rimborsi spese introdotte dal “Decreto Irpef” non si applica retroattivamente

Nella Delibera n. 107 del 19 novembre 2014 della Corte dei conti Basilicata, il Sindaco di un Comune, dopo aver

Debiti P.A.: le indicazioni del Mef sulle attività di monitoraggio e controllo dei pagamenti

È stata pubblicata il 5 maggio 2015, sul sito istituzionale della Ragioneria generale dello Stato, la Circolare Mef 13 aprile

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.