Insegne: Palazzo Spada illustra i criteri che distinguono quelle di esercizio da quelle di tipo pubblicitario

Insegne: Palazzo Spada illustra i criteri che distinguono quelle di esercizio da quelle di tipo pubblicitario

Nella Sentenza n. 2129 del 9 maggio 2017 del Consiglio di Stato un Comune, proprietario di uno Stadio sito nel proprio territorio, ha costituito in favore di una Società, a seguito di procedura di evidenza pubblica, il diritto di superficie sul predetto Impianto sportivo e sulle aree pertinenziali della durata di 99 anni, con l’obbligo tra gli altri di non mutarne la denominazione. Poi, la Società ha chiesto l’autorizzazione, ai sensi dell’art. 23 del Dlgs. n. 285/92, di installare sulle pareti esterne del settore delle curve, nord e sud, dello Stadio 2 insegne della superficie complessiva di poco più di 65mq., recanti una determinata scritta. I Giudici rilevano che la nozione di insegna di esercizio è circoscritta a quei soli casi in cui l’insegna, con le modalità prescritte dall’art. 47 del Dpr. n. 495/92, serve esclusivamente a segnalare il luogo ove si esercita l’attività di impresa.

Nella definizione dell’insegna di esercizio, l’insegna deve essere collocata in prossimità dell’accesso all’impresa. Tuttavia, nel caso di specie, non si tratta di semplice insegna di esercizio necessaria ai fini della normale attività aziendale, bensì di elemento in grado di svolgere una funzione promozionale dell’attività imprenditoriale e, quindi, di carattere essenzialmente pubblicitario. In conclusione, l’insegna in questione è del tutto priva del collegamento territoriale con la sede dell’attività; si è quindi in presenza di un insegna di tipo pubblicitario che favorisce l’attività imprenditoriale.


Related Articles

Accertamento: nullità della notifica al falso parente

La Sentenza n. 26501 del 17 dicembre 2014 della Corte di Cassazione, riguarda la validità della notifica di un accertamento

Tutela patrimonio basata su logica dell’emergenza

Con il Comunicato n. 80 del 22 dicembre 2020, la Corte dei conti ha reso nota l’indagine sul “Fondo per la

Durc: non è ammessa regolarizzazione in sede di gara

Nella Sentenza n. 442 del 13 ottobre 2015, del Tar Friuli Venezia Giulia, Sezione Prima, la regolarizzazione postuma delle irregolarità