Istanza di rimborso: può essere proposta anche oltre il termine utile per fruire della compensazione del credito

Istanza di rimborso: può essere proposta anche oltre il termine utile per fruire della compensazione del credito

La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 19537 del 17 settembre 2014, ha osservato che in base all’art. 2, comma 8-bis, del Dpr. n. 322/98 il contribuente ha la facoltà di emendare i propri errori mediante la presentazione di apposita dichiarazione integrativa. L’integrazione della dichiarazione è autonoma rispetto all’esercizio del diritto al rimborso, di conseguenza non ha alcun effetto sui termini di decadenza di quest’ultimo. Al termine per la presentazione della dichiarazione integrativa (termine per la presentazione della dichiarazione del periodo d’imposta successivo) è correlata solamente la possibilità di portare in compensazione il credito risultante dalla dichiarazione. Di conseguenza l’istanza per richiesta di rimborso può essere proposta anche oltre il termine utile per fruire della compensazione del credito.



Related Articles

Pagamento debiti P.A.: pubblicato il Dm. Mef che ripartisce spazi finanziari per 100 milioni di Euro

È stato pubblicato sulla G.U. del 26 maggio 2015, n. 120, il Dm. Mef del 13 marzo 201, n. 19034,

Riscossione: istituito il codice-tributo per il versamento delle somme dovute per la “Definizione agevolata” delle violazioni formali

Sono stati pubblicati sul sito web istituzionale dell’Agenzia delle Entrate il Provvedimento 15 marzo 2019 e la Risoluzione n. 37/E

Servizio di “Trasporto scolastico”: la scelta di renderlo gratuito deve essere motivata e correlata ad opportune coperture

Nella Delibera n. 222 del 21 giugno 2017 della Corte dei conti Campania, un Sindaco ha chiesto un parere in