Istituto per il Credito Sportivo: aumentati i plafond dei mutui per i bandi “Sport Missione Comune” e “Comuni in Pista”

Istituto per il Credito Sportivo: aumentati i plafond dei mutui per i bandi “Sport Missione Comune” e “Comuni in Pista”

Con una Nota pubblicata l’8 settembre 2020 sul proprio sito istituzionale, l’Istituto per il credito sportivo ha comunicato di aver aumentato i plafond dei mutui per i due bandi a tasso zero realizzati in collaborazione con Anci: “Sport Missione Comune” e “Comuni in Pista”.

Nello specifico è stato raddoppiato (da Euro 80.000.000 a Euro 160.000.000) il plafond di mutui inizialmente stanziato per “Sport Missione Comune”, mentre per “Comuni in Pista 2020” si è passati dagli iniziali Euro 20 milioni agli attuali 25 milioni.

Ricordiamo che il bando “Comuni in pista” è finalizzato alla concessione di contributi in conto interessi sui mutui relativi alla realizzazione di Piste ciclabili, Piste ciclopedonali, Sentieri ciclabili e Ciclodromi, destinato al totale abbattimento degli interessi dei mutui.

Il contributo sarà assegnato su mutui da stipulare entro il 31 dicembre 2020 e i Comuni possono richiedere la concessione dei contributi fino a Euro 3.000.000 di abbattimento della quota interessi nel limite massimo per ciascuna istanza. Possono fare richiesta anche le Unioni dei Comuni e i Comuni in forma associata, le Città metropolitane, le Province e le Regioni, e in questo ultimo caso l’abbattimento sarà di Euro 6.000.000 per ciascuna istanza.

Con il bando “Sport Missione Comune”, l’Istituto mette invece a disposizione delle risorse per la concessione di un contributo in conto interessi sui mutui per costruzione, ampliamento, ristrutturazione, completamento e messa a norma degli Impianti sportivi, destinato al totale abbattimento degli interessi dei mutui. Anche in questo caso il contributo sarà assegnato su mutui da stipulare entro il 31 dicembre 2020. Ciascun Comune potrà presentare più istanze ed è previsto uno stanziamento massimo di Euro 6.701.430,92 di contributi in conto interessi, per interventi realizzati dai piccoli Comuni (fino a 5.000 abitanti), di Euro 13.000.000,00 per interventi realizzati dai Comuni medi (fino a 100.000,00 abitanti non capoluogo), di Euro 6.000.000 alle Unioni dei Comuni e Comuni in forma associata per interventi realizzati dai Comuni capoluogo, Comuni oltre i 100.000,00 abitanti non capoluogo, Città metropolitane, Province e Regioni.

Lo stanziamento è riservato per almeno l’80% agli Enti Locali. Le Istanze, in entrambi i casi, dovranno essere trasmesse tramite Pec entro e non oltre le ore 24.00 del 5 dicembre 2020.


Related Articles

“Legge di stabilità 2017”: vertice Anci-Esecutivo, ecco le richieste avanzate

Autonomia agli Enti Locali e flessibilità nella gestione delle loro risorse finanziarie e del personale. Questa la direzione tracciata dalla

Rinegoziazione dei contratti: serve sempre una gara preventiva

Nella Sentenza n. 398 del 21 maggio 2015 del Tar Abruzzo – L’Aquila – Sezione Prima, i Giudici affermano che

Revisori Enti Locali: il 30 aprile scade il termine per il versamento del contributo annuale per l’iscrizione all’Elenco

Tutti i soggetti iscritti nell’Elenco dei Revisori dei conti degli Enti Locali, di cui al Dm. Interno 15 febbraio 2012,

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.