Istituzione nuovo Comune: deve avvenire nel rispetto dell’invarianza della spesa per tutta l’area amministrativa coinvolta

Istituzione nuovo Comune: deve avvenire nel rispetto dell’invarianza della spesa per tutta l’area amministrativa coinvolta

Nella Delibera n. 87 del 12 maggio 2017 della Corte dei conti Piemonte, un Ente pone un parere riguardante l’istituzione di un nuovo Comune che, secondo uno studio meramente previsionale, potrebbe determinare una riduzione di entrate (non compensate dalle minori spese) ai danni dei Comuni scorporanti. La Sezione rileva che il peso complessivo delle operazioni di scorporo dovrà necessariamente avere lo stesso impatto, o comunque un impatto non superiore a quello delle aggregazioni economico-finanziarie precedenti, sul conto consolidato delle Pubbliche Amministrazioni. Ciò posto, aggiunge la Sezione che gli strumenti su cui dovrà poggiare la nuova struttura organizzativa, volendo assicurare l’invarianza di spesa, saranno quelli concertativi. Nello specifico, la Sezione si riferisce, alle gestioni associate di servizi e funzioni (indipendentemente dal fatto che possano essere obbligatorie o meno), oppure all’utilizzo del personale mediante forme di convenzione (fermo restando, quanto al personale, che è la stessa legge a prevedere il trasferimento). Infine, è chiaro che il principio di “Pareggio di bilancio” (nuovo saldo finanziario di competenza tra entrate e spese finali), resta un limite invalicabile che gli Enti coinvolti dovranno assicurare.

In conclusione, l’istituzione di un nuovo Comune deve avvenire nel rispetto del principio di invarianza della spesa, che non va riferito al singolo Comune quanto piuttosto all’intera area amministrativa coinvolta dall’istituzione del nuovo Ente.


Related Articles

Notifiche: il Servizio “Seguimi” non ha rilevanza giuridica per la notifica degli atti

Nell’Ordinanza n. 31479 del 3 dicembre 2019 della Corte di Cassazione, verrà analizzato quanto statuito dalla Suprema Corte in tema

Spesa storica irrisoria per contratti di lavoro flessibile: superamento del limite ex art. 9 comma 28 per gli Enti di piccole dimensioni

Nella Delibera n. 15 del 20 luglio 2018 della Corte dei conti Autonomie, la questione rimessa alla Sezione Autonomie riguarda

“Servizi pubblici locali”: obbligo di partecipazione agli Enti di governo degli Ato non contrasta con comma 611 della “Legge di stabilità 2015”

La Corte dei conti Emilia Romagna, con la Delibera n. 128 del 16 settembre 2015, chiarisce che la partecipazione e/o