Iva: è giusto considerare esente l’anticipazione del 20% del pagamento di una prestazione in quanto mera operazione finanziaria?

Iva: è giusto considerare esente l’anticipazione del 20% del pagamento di una prestazione in quanto mera operazione finanziaria?

Il testo del quesito:

Abbiamo ricevuto la fattura dell’anticipazione dalla ditta appaltatrice, relativamente all’intervento di demolizione di una Scuola. Tale documento fiscale non contiene l’Iva poiché, secondo loro, l’anticipazione del 20% è da considerarsi come un’operazione finanziaria e come tale non è considerata imponibile ai fini Iva, in quanto ascrivibile a operazioni esenti dall’imposta ex art. 10, Dpr. n. 633/1972, comma 1. E’ corretto ?

La risposta dei ns. esperti.

La questione riguarda l’art. 35, comma 18, del Dlgs. n. 50/2016, norma che disciplina il pagamento dell’anticipazione, ove non si fa cenno (non trattandosi di normativa fiscale) all’Iva.

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Fermo amministrativo: crediti vantati dal privato nei confronti dell’Amministrazione

Nella Sentenza n. 7858 del 18 novembre 2019 del Consiglio di Stato, i Giudici chiariscono che il Provvedimento che dispone,

Limite utilizzo avanzo di amministrazione: opera solo in caso di sistematico ricorso all’anticipazione di Tesoreria

Nella Delibera n. 196 del 13 novembre 2014 della Corte dei conti Molise, la richiesta di parere riguarda la corretta

Indebitamento: accensione mutui per interventi di edilizia scolastica e residenziale

  E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 27 maggio 2015, il Dm. Mef 27 aprile 2015, rubricato “Modifiche al

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.