Iva: in caso di “ravvedimento” su fatture errate il diritto alla detrazione sorge dal momento di ricezione della nota di debito

Iva: in caso di “ravvedimento” su fatture errate il diritto alla detrazione sorge dal momento di ricezione della nota di debito

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 267 del 21 agosto 2020, ha dato precisazioni in ordine al diritto di rivalsa e di detrazione dell’Iva in caso di “ravvedimento” su fatture errate, richiamando gli artt. 19, comma 1, 26, comma 1 e 60, ultimo comma, del Dpr. n. 633/1972.

L’art. 60, ultimo comma, del Dpr. n. 633/1972, prevede che “il contribuente ha diritto di rivalersi dell’Imposta o della maggiore Imposta relativa ad avvisi di accertamento o rettifica nei confronti dei cessionari dei beni o dei committenti dei servizi soltanto a seguito del pagamento dell’imposta

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Premio per la migliore tesi di laurea: è corretto applicare la ritenuta fiscale?

di Francesco Vegni Il testo del quesito: “Dobbiamo procedere al pagamento di un premio per la miglior tesi di laurea

Monitoraggio assenze dipendenti pubblici: stop all’obbligo di comunicazione mensile

Le P.A. non sono più tenute a comunicare mensilmente al Dipartimento della Funzione pubblica i dati relativi alle assenze. La

Immobili a uso istituzionale: la riduzione del canone di locazione si applica anche agli Enti Locali  

Nella Delibera n. 273 del 27 ottobre 2014 della Corte dei conti Lombardia, pubblicata oggi sul sito della Corte dei

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.