Iva: sono soggetti i compensi percepiti dai Professionisti dopo la cessazione dell’attività

Iva: sono soggetti i compensi percepiti dai Professionisti dopo la cessazione dell’attività

Corte di Cassazione, Sentenza n. 8059 del 21 aprile 2016

 

Con la Sentenza in commento, la Suprema Corte ha sancito che “il compenso di prestazione professionale è imponibile a fini Iva, anche se percepito successivamente alla cessazione dell’attività, nel cui ambito la prestazione è stata effettuata, ed alla relativa formalizzazione”.

Nello specifico, la fattispecie in esame traeva origine dal ricorso proposto dall’Agenzia delle Entrate verso una Sentenza pronunciata dalla Ctr della Campania, a seguito di una controversia scaturita dall’impugnazione, promossa da un contribuente già esercente la professione di architetto, di un avviso di accertamento Irpef, Irap ed

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Calcolo della soglia di anomalia in caso di aggiudicazione con il criterio del prezzo più basso: dall’Anac alcune indicazioni operative

  Con il Comunicato del Presidente 5 ottobre 2016, pubblicato sul sito il 14 ottobre 2016, l’Anac ha fornito alcune

Spese legali Enti Locali: per le somme eccedenti l’impegno di spesa si deve ricorrere al riconoscimento del debito fuori bilancio?

Nella Delibera n. 200 del 20 maggio 2015 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco con il primo quesito chiede

Somme indebitamente erogate ai dipendenti: il recupero deve essere al netto delle ritenute fiscali, previdenziali e assistenziali

Nella Delibera n. 120 del 24 settembre 2015 della Corte dei conti Umbria, la Sezione si esprime in ordine alla