Iva: sono soggetti i compensi percepiti dai Professionisti dopo la cessazione dell’attività

Iva: sono soggetti i compensi percepiti dai Professionisti dopo la cessazione dell’attività

Corte di Cassazione, Sentenza n. 8059 del 21 aprile 2016

 

Con la Sentenza in commento, la Suprema Corte ha sancito che “il compenso di prestazione professionale è imponibile a fini Iva, anche se percepito successivamente alla cessazione dell’attività, nel cui ambito la prestazione è stata effettuata, ed alla relativa formalizzazione”.

Nello specifico, la fattispecie in esame traeva origine dal ricorso proposto dall’Agenzia delle Entrate verso una Sentenza pronunciata dalla Ctr della Campania, a seguito di una controversia scaturita dall’impugnazione, promossa da un contribuente già esercente la professione di architetto, di un avviso di accertamento Irpef, Irap ed

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“Norme penali in bianco”: cosa sono e quando possono essere applicate?

  Il testo del quesito: “Che cosa si intende per ‘norme penali in bianco’ e quali sono i presupposti per

“Sblocca cantieri”: le perplessità dell’Anac sulle modifiche introdotte dal nuovo Decreto

L’Autorità nazionale Anticorruzione ha evidenziato alcune possibili criticità contenute nel Dl. 18 aprile 2019, n. 32, rubricato “Disposizioni urgenti per

Iva: nuovi chiarimenti su cosa si intenda per “suscettibili di utilizzazione edificatoria” o “agricoli” nel caso di vendita di terreni

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta n. 278 del 21 aprile 2021, ha fornito chiarimenti in merito al trattamento tributario