Iva: sono soggetti i compensi percepiti dai Professionisti dopo la cessazione dell’attività

Iva: sono soggetti i compensi percepiti dai Professionisti dopo la cessazione dell’attività

Corte di Cassazione, Sentenza n. 8059 del 21 aprile 2016

 

Con la Sentenza in commento, la Suprema Corte ha sancito che “il compenso di prestazione professionale è imponibile a fini Iva, anche se percepito successivamente alla cessazione dell’attività, nel cui ambito la prestazione è stata effettuata, ed alla relativa formalizzazione”.

Nello specifico, la fattispecie in esame traeva origine dal ricorso proposto dall’Agenzia delle Entrate verso una Sentenza pronunciata dalla Ctr della Campania, a seguito di una controversia scaturita dall’impugnazione, promossa da un contribuente già esercente la professione di architetto, di un avviso di accertamento Irpef, Irap ed

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“Servizi Sociali”: ripartiti 60 milioni di Euro per il sostegno agli affitti

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha reso nota – con Decreto 6 maggio 2020, pubblicato sulla G.U. n.

“Covid-19”: Palazzo Chigi detta le “Linee guida” per gli allenamenti degli sport di squadra e quello di base

La Presidenza del Consiglio dei Ministri – Ufficio per lo Sport, ha diramato il 20 maggio 2020 sul proprio sito

Iva: in caso di transazione “dichiarativa” con sopravvenuto accordo tra le parti lo storno tramite nota di credito può avvenire solo entro l’anno

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 178 del 3 giugno 2019, ha fornito chiarimenti in merito