La Corte dei conti si pronuncia sulla qualificazione delle Società a controllo pubblico

La Corte dei conti si pronuncia sulla qualificazione delle Società a controllo pubblico

Con il Comunicato 21 giugno 2019, la Corte dei conti rende nota la Delibera n. 11/2019 delle Sezioni Riunite, che si è pronunciata, a seguito di richiesta avanzata della Sezione regionale di controllo per l’Umbria, con Delibera n. 57/2019, sulla qualificazione in termini di “società a controllo pubblico”, ai fini dell’applicazione di alcune disposizioni previste dal Dlgs. n. 175/2016, delle Società partecipate in misura maggioritaria da Enti pubblici, ciascuno dei quali detentore di quote di minoranza. Le Sezioni hanno affermato che deve ritenersi sufficiente, ai fini dell’integrazione della fattispecie delle “Società a controllo pubblico” – risultante dal combinato disposto delle lett. b) ed m) dell’art. 2 del Dlgs. n. 175/2016 – che una o più Amministrazioni pubbliche dispongano, in Assemblea ordinaria, della maggioranza dei voti previsti dall’art. 2359 del Codice civile.

Corte dei Conti Sezioni Riunite – Delibera n. 11 del 2019


Related Articles

“730 precompilato”: le istruzioni per ottenere i Pin d’accesso ai servizi online delle Entrate

Con una Nota congiunta diramata il 1º aprile 2015, l’Inps e Agenzia delle Entrate hanno fornito indicazioni relative all’abilitazione a

Iva: i lavori per la realizzazione del pavimento in “colato” in un parco giochi scontano l’aliquota agevolata del 4% ?

Il testo del quesito: “Il Comune deve costruire in un parco pubblico un’area gioco inclusiva, cioè accessibile anche ai bambini

Funzione di sostituto o responsabile d’imposta per la Tassa di soggiorno

Nella Sentenza n. 166 del 3 maggio 2019 della Corte dei conti Toscana, la questione controversa in esame riguarda l’art.

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.