“Leasing in costruendo”: natura e modalità di contabilizzazione delle operazioni attivate prima del 1° gennaio 2015

“Leasing in costruendo”: natura e modalità di contabilizzazione delle operazioni attivate prima del 1° gennaio 2015

Nella Delibera n. 26 del 28 luglio 2016 della Corte dei conti Autonomie, la Sezione si esprime su come le operazioni di leasing in costruendo (acquisto, progettazione, restauro, risanamento conservativo e lavori concernenti la realizzazione “chiavi in mano” di un immobile da adibire a sede comunale), la cui stipulazione sia avvenuta antecedentemente al 1° gennaio 2015 (nel caso di specie, aprile 2012), ma che ancora non abbiano esaurito i loro effetti, possano essere contabilizzate. La Sezione chiarisce che, con riferimento al leasing finanziario ed in particolare al leasing finanziario in costruendo, costituiscono senz’altro indebitamento e vanno contabilizzate secondo il metodo finanziario soltanto le operazioni poste in essere successivamente al 1° gennaio2015, mentre per i contratti stipulati prima di tale data, ai fini della loro contabilizzazione secondo il metodo finanziario o, in alternativa, patrimoniale, vanno considerate le caratteristiche concrete dell’operazione medesima e la collocazione dei 3 rischi definiti dall’Eurostat nella decisione dell’11 febbraio 2004 nei rapporti tra contraente privato e contraente pubblico in applicazione dei criteri fissati dalle Sezioni Riunite con la Deliberazione n. 49/11.


Related Articles

Trasferimenti erariali: nuovo scorrimento della graduatoria per messa in sicurezza di opere pubbliche

Sul sito della Finanza locale è stato pubblicato il Comunicato 15 dicembre 2021 relativo allo scorrimento della graduatoria relativa alla

“Spending review”:  Squitieri, “non deve tradursi in abbassamento di servizi”

“La riduzione della spesa va governata affinché non si traduca in un abbassamento dei servizi al cittadino ed alle imprese,

Agevolazioni fiscali “prima casa”: mancato trasferimento residenza entro 18 mesi non può essere giustificato con causa di forza maggiore

Nella Sentenza n. 2616 del 10 febbraio 2016 della Corte di Cassazione i Giudici affermano che qualora sia riconosciuta all’acquirente