“Legge sull’usura”: definiti i tassi per il periodo luglio-settembre 2018

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 150 del 30 giugno 2018 il Decreto Ministero dell’Economia e delle Finanze 27 giugno 2018, che ha stabilito i tassi di interesse effettivi globali medi rilevati ai sensi della “Legge sull’usura” (Legge n. 108/96).

Il Decreto, in vigore dal 1° luglio 2018, fissa la soglia dei tassi anti-usura per i mutui da applicare per il periodo che va dal 1° luglio al 30 settembre 2018. L’Allegato “A” del Decreto citato riporta le medie aritmetiche dei tassi sulle singole operazioni delle banche e degli intermediari finanziari non bancari, corrette per la variazione del valore medio del tasso applicato alle operazioni di rifinanziamento principali dell’Eurosistema con riferimento alla rilevazione nel periodo 1° gennaio-31 marzo 2018. Infatti, l’art. 2, comma 1, della Legge n. 108/96, dispone che il Ministro del Tesoro rilevi trimestralmente il tasso effettivo globale medio, comprensivo di commissioni, di remunerazioni a qualsiasi titolo e spese, escluse quelle per Imposte e tasse, riferito ad anno, degli interessi praticati dalle banche e dagli intermediari finanziari.

Si ricorda che, ai fini della determinazione degli interessi usurari ai sensi dell’art. 2, comma 4, della Legge citata, come modificata dal Dl. n. 70/11, convertito con modificazioni dalla Legge n. 106/11, i tassi rilevati devono essere aumentati di un quarto, cui si aggiunge un ulteriore margine di 4 punti percentuali. La differenza tra il limite e il tasso medio non può essere superiore a 8 punti percentuali. I tassi effetti globali medi non sono comprensivi degli interessi di mora contrattualmente previsti per ritardato pagamento. Le banche e gli intermediari sono tenuti ad affiggere in ciascuna sede o dipendenza la Tabella riportata nell’Allegato “A.


Related Articles

Requisiti di partecipazione e valutazione dell’offerta tecnica: ampia discrezionalità della Stazione appaltante

Nella Delibera n. 25 del 13 gennaio 2021, viene chiesto all’Anac di esprimersi in ordine alla legittimità delle clausole della

“Decreto fiscale”: tra le misure previste, sanzioni ridotte per chi non adegua subito i sistemi informatici per la fatturazione elettronica

Con il Comunicato-stampa 15 ottobre 2018, Palazzo Chigi ha illustrato – tra le altre cose – le misure che il

Ici/Imu: l’agevolazione prevista per abitazione principale non può essere usufruita da coniugi che risiedono in Comuni diversi

Nella Sentenza 24538 del 4 novembre 2020 della Corte di Cassazione,la questione controversa riguarda la spettanza o meno delle agevolazioni

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.