Mancato rispetto del Patto di stabilità: determinate le sanzioni per i Comuni relative all’anno 2014

Mancato rispetto del Patto di stabilità: determinate le sanzioni per i Comuni relative all’anno 2014

Il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale, con il Comunicato 9 marzo 2018 ha reso noto il testo del Dm. Interno 8 marzo 2018 che individua ulteriori Comuni non “virtuosi” ai fini del Patto di stabilità 2014, ai quali verrà applicata la sanzione ai sensi dell’art. 31, comma 26, lett. a), della Legge n. 183/11.

Le violazioni sono state rilevate nel corso di un accertamento successivo e nell’Elenco allegato al Dm. sono indicate le sanzioni fissate per ognuno dei Comuni interessati dal Provvedimento. Tali importi sono stati determinati in misura pari al 20% della differenza tra saldo obiettivo del 2014 e saldo finanziario conseguito nello stesso anno.

La sanzione comporta la riduzione delle risorse a titolo di “Fondo di solidarietà comunale 2018”. In caso di insufficienza di risorse per operare la riduzione, la somma residua dovrà essere versata dai Comuni entro il 31 dicembre 2018, tramite la locale Sezione di Tesoreria provinciale dello Stato, all’entrata del bilancio dello Stato, Capo X, capitolo 3509, art. 2, previa apposita comunicazione agli Enti, da parte del Ministero dell’Interno. In caso di mancato versamento al bilancio dello Stato della predetta somma residua, il recupero sarà operato secondo le procedure previste ai commi 128 e 129, dell’art. 1, della Legge n. 228/12 (“Legge di stabilità 2013”).

Fanno eccezione i Comuni che hanno attivato la “Procedura di riequilibrio finanziario pluriennale” nel 2014, che possono invece – previa presentazione di specifica istanza al Viminale entro 30 giorni dalla pubblicazione del Decreto in commento – rateizzare il pagamento della sanzione in 10 anni.


Related Articles

Procedimenti disciplinari: attivo su “Perla Pa” il Censimento telematico

Sulla Piattaforma della Funzione pubblica “Perla Pa” è operativa la procedura di monitoraggio telematico dei dati relativi ai procedimenti disciplinari

Anac: i “Codici di comportamento delle Università” non fanno espresso riferimento alla “condotta” del Rettore

Con il Comunicato del 9 novembre 2016, il Presidente dell’Anac rende noto che nello svolgimento dell’attività di vigilanza sul rispetto

Ricapitalizzazione Società partecipata: la Corte dei conti Lazio fa il punto sulle condizioni che giustificano il “soccorso finanziario”

Nella Delibera n. 1 del 28 febbraio 2019 della Corte dei conti Lazio, viene chiesto un parere in ordine all’ammissibilità