Manovra 2019: Ddl. bilancio all’esame della Camera

Il Disegno di legge relativo al “bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2019 e al bilancio pluriennale per il triennio 2019-2021”, la c.d. “Legge di Bilancio 2019”, approvato dal Consiglio dei Ministri n. 23 del 15 ottobre 2018, ha avviato il proprio iter alla Camera dei deputati.

Tra le disposizioni introdotte nella prima bozza della nuova Manovra finanziaria, per gli Enti Locali si prospettano rilevanti novità sul fronte finanza locale.

Innanzitutto, l’introduzione di importanti interventi di semplificazione delle regole di finanza pubblica e degli adempimenti contabili. Inoltre, il testo base prevede la modifica della disciplina del “Fondo pluriennale vincolato per le opere pubbliche” e delle regole per l’utilizzo del risultato di amministrazione da parte degli enti in disavanzo. Sempre in tale ambito per gli Enti Locali è indicata la previsione di un fondo investimenti e la possibilità di rinegoziare i mutui.

Anche sul piano fiscale rilevano novità di interesse–più o meno diretto – per gli Enti Locali e le Società pubbliche. In primo luogo risultano sterilizzate le clausole di salvaguardia su Iva e accise. Inoltre, vengono prorogate le detrazioni fiscali per interventi di efficientamento energetico, ristrutturazione edilizia e interventi di sistemazione a verde.

In materia di lavoro, poi, si ricordano gli interventi volti all’estensione del cd. “regime forfettario” per i titolari di Partita Iva con volume di affari fino a 65.000 Euro e la previsione di un’Imposta sostitutiva Irpef- Irap pari al 20% applicata al reddito delle persone fisiche esercenti attività d’impresa o di lavoro autonomo con redditi compresi tra 65.001 e 100.000 Euro.

Il Ddl. n. 1334, attualmente all’esamedella V Commissione (Bilancio), sarà trasmesso alla Camere entro il 28 novembre 2018.